-> Un Click Al Giorno toglie il Banner di Torno <-

La ciurma di Capitan Naufragio

Lo spazio dove inserire le vostre gesta!

Moderator: Staff

La ciurma di Capitan Naufragio

Postby Eneth the black slayer » Tue Jun 20, 2006 1:09 pm

Tanto per dare un piccolo biscottino ai miei prossimi giocatori!


Le onde accompagnavano la trireme ormai da ore.
Il viaggio sembrava interminabile, ma l'equipaggio era ben addestrato e disciplinato, e non aveva problemi a reggere il sole e il mare per ore, anche dopo la tempesta della notte precedente. Il rumore dell'acqua era il suono preferito dell'ammiraglio, suono dolce e affascinante, sempre diverso nelle sue sfumatore... *sbang* la porta si spalancò - Ammiraglio, presto, terra in vista - un sorriso di sfida si stampò sul volto dell'eccelso. - Baby, su alzati, ci siamo di nuovo! - una ragazza di bellezza incredibile si girò al richiamo del capitano con grazia nel letto di seta nera - Sì, ho sentito caro, dammi qualche attimo e sarò pronta a seguirti! - Va bene, ti aspetterò sul ponte, vado a preparare gli uomini e a scrutare l'orizzonte. Vediamo oggi quale pesciolino abbiamo pescato! - l'ammiraglio si fece avanti tra la ciurma, attraversando la bellissima nave composta di un qualche metallo antico fino alla propra. Lì uno dei suoi uomini migliori, il suo secondo, fece rapporto e lo invitò ad osservare l'orizzonte. - Bene bene, un isola rocciosa con all'interno un piccolo paradiso. Diminuirò la potenza del vento, cosìcche potremo avvicinarci tranquillamente. Che tutti gli uomini si preparino, dopo tanto potranno di nuovo divertirsi. Si va a fare spese! - Un boato si alzò alle spalle del capitano, i suoi uomini erano carichi e l'adrenalina scorreva a fiumi. L'eccelso sentiva le mani prudere, qualcosa gli diceva che in quell'isola avrebbe trovato pane per i suoi denti, i pugni scricchiolavano... - Su, un po' di pazienza tesoro, ancora qualche ora e ci divertiremo - disse la ragazza che comparve al suo fianco appoggiando le labbra su una sua guancia. La nave rallentò notevolmente e il capitano raccolse dalle mani della compagna un foglio con alcune parole scritte con eleganza. Una freccia partì verso l'isola, un'altra isola ignara del suo destino!


8)
Last edited by Eneth the black slayer on Sat Jul 29, 2006 4:19 pm, edited 1 time in total.
The paua is incredible,my legs goes on fire! :sajan:
Quando Chuck Norris gioca a pocker il piatto piange!
Cmq dipende dalla situazione!
Image
Image
Image
User avatar
Eneth the black slayer
Eccelso3
Eccelso3
 
Posts: 2706
Joined: Tue Jun 21, 2005 1:29 pm
Location: Venezia

Postby coranis » Tue Jun 20, 2006 4:22 pm

spero di aver capito bene, e che sia un'altra nave che viene a suonare da noi..

Biscottino mio:

La ragazza si asciugò il sudore dalla fronte. Il calore della fornace era alto ma era necessario. "Il sangue della terra scalda prima il metallo e lo purifica delle sue impurità."
Un marchio dorato brillava sulla sua fronte scura, mentre gli occhi, due globi perfettamente blu, osservavano la sua fucina. Aveva sete, e voglia di un frutto fresco. Raccolse uno straccio pulito da una sedia e togliendosi la fuliggine dal viso si incamminò fuori dalla caverna. Seguì i lunghi corridoi scavati nella roccia e sbucò nell'enorme camino spento del vulcano. la baia nascosta era grande e luminosa, e vicino al magnifico bacino di carenaggio alcuni campi coltivati venivano accuditi dai solerti contadini dell'isola nascosta. La bireme era bellissima, ben curata e mantenuta con la massima cura. Usando i suoi sensi da eccelsa la ragazza scese lungo le scale esterne e osservò tutto il resto. dei leggeri aloni d'essenza permeavano la nave. "Con tutta l'essenza che usiamo su quella nave o per ripararla mi stupisco che non brilli di luce propria!!".
Le uniche altre fonti d'essenza erano tre figure con attorno un debole alone dorato.
L'ammiraglio di bronzo, il guerriero dorato e l'assassino d'acciaio.
forse non erano i compagni migliori da desiderare, ma erano capaci, forti e molto utili.
In più erano i soli a capire come ci si senta ad essere solari.
arrivata alle cucine prese un morbido frutto da addentare. Era succoso e fresco, e piacevole da quando lo si assaporava con la punta della lingua a quando la polpa giungeva nello stomaco.

chissà se la loro prossima avventura sarebbe stata altrettanto piacevole.
I miei Achievements da Narratore:

(ST) Harlgblgrlb: Narra una sessione ubriaco.
(ST) L'incubo di tutti: Crea un nemico abbastanza orrorifico da spaventare i tuoi giocatori, i tuoi personaggi, o entrambi.
(ST) Ooops - Uccidi con un colpo un PG usando un incontro che pensavi fosse bilanciato.
(ST) Dividiamoci, Squadra - Narra una sessione dove il gruppo si divide in almeno 5 entità separate.
User avatar
coranis
Eccelso4
Eccelso4
 
Posts: 3551
Joined: Tue Jun 14, 2005 11:29 am
Location: Gaiarine(Deep wyld), oppure una casupola nelle foreste di Halta. Le Vacanze a Chiaroscuro
Casta: Zenith

Postby Black Razor » Tue Jun 20, 2006 7:26 pm

Chiedo pietà a Varkas per avergli fregato il nome del PG, era troppo figo.


Capitan Naufragio, l'Anatema dei Mari! (al secolo, Kes Dayakko)
Un giovanotto, al comando della sua bireme, razzia le navi del Regno, della Gilda e dei Lintha che viaggiano lungo le rotte commerciali dell'Ovest e del Sud-Ovest.
La sua nave appare a volta dal nulla, e chi non si arrende immediatamente viene sconfitto senza pietà. E' spietato, e la sua brama di vittorie è pari, dicono, solo alla sua bravura in mare.
Odia i Lintha (ampiamente ricambiato), e ha messo i suoi occhi sulla Prince Desolation, sperando che quell'eunuco scaglioso del suo comandante accetti un duello e si faccia sbudellare in santa pace.
Quello che non sa è che i suoi exploit (tra i quali si annovera la razzia di una nave del Reame di ritorno da uno scavo archeologico) gli hanno già fatto guadagnare l'attenzione del Regno, dei Lintha e della Gilda! Riusciranno a consegnare il suo corpo privo di vita al mare che lo protegge?
Last edited by Black Razor on Thu Jun 14, 2007 9:17 am, edited 3 times in total.
ATTENZIONE!
Ogni post che mi parli di quanto schifo fa Exalted sarà trattato come non esistente... non censuro ma ignoro quello che non mi interessa (non vorrei seguire esempi istituzionali)
User avatar
Black Razor
Staff Member
Staff Member
 
Posts: 5709
Joined: Thu Nov 25, 2004 4:57 pm
Location: Venezia o Malfeas, dipende dal giorno

Postby coranis » Wed Jun 21, 2006 12:51 am

Chiedo pietà a Varkas per avergli fregato il nome del PG, era troppo figo.


vuoi dire che ti chiamerai davvero capitan naufragio? :shock:
no dai... che incubo...è un invito a sbeffeggiarti=>cosa che tu consideri come il segnale per sfidare a duello il malcapitato... :badgrin: :badgrin:

Ecco qui la versione chibi della mia PG

Image

e un'altro biscottino.

"Allora siamo d'accordo zanna imperiosa? Io da sotto la loro chiglia danneggerò il loro timone, mentre tu ed i tuoi spingerete contro la scogliera nord la nave."
L'enorme squalo dotato di zampe la guardò con i suoi occhietti neri e feroci, quindi rispose con la sua voce bassa e gorgogliante.
"Esatto Creatrice di rame. Non appena la nave sarà ferma e gli umani cominceranno a cadere noi ci sazieremo delle loro fragili carni mentre tu ti occuperai del loro capo. Dicono egli possa controllare la magia, quindi dovrai essere tu a fermarlo. Poco possono i nostri possenti denti contro la magia."
"Non ti preoccupare Figlio di Siakal, onorerò la mia parte dell'accordo, e dopo aver preso la sua arma e averlo reso inoffensivo ti darò il suo corpo. Vivo."
La creatura sembrava trattenere a stento la sete di battaglia e di sangue. Le notizie riportate dai suoi fratelli parlavano di uno stregone venuto dal nord capace di evocare demoni, e di colpire con raffiche blu anche sott'acqua.
Preoccupato, aveva contattato la solare. Pensava di poter usare la sua conoscenza dell'usurpazione contro di lei, eppure ella già conosceva i fatti, seppur superficialmente.

"Voglio la sua arma, Zanna imperiosa. Io ti darò il figlio dei draghi se tu mi aiuterai nel fermare la sua nave."
Quella solare le offriva un Terrestre da divorare, il tutto in cambio di uno scontro già deciso?
"Accetto" aveva detto già pregustando le delizie della carne d'Eccelso.

La nave arrivò al momento giusto, al salire della marea.
"Idioti incapaci" pensò la ragazza con i capelli e gli occhi color del mare "Così la corrente stessa li spingerà verso la loro morte."
Usando le sue capacità sfilò ilperno principale del timone, rendendo la nave un relitto ingovernabile, e mentre saliva su una delle murate sentì i suoi alleati spingere atutta velocità la nave verso gli scogli. L'urto diede una spinta che permise alla crepuscolo di balzare sul ponte.
Lì il db, alto, biondo, avvolto da sete preziose, si stava rialzando utilizzando il bastone in giada blu come bastone, mentre molti dei suoi uomini erano stati balzati fuoribordo.
Le prime grida non si fecero attendere.
Il db cominciò a pronunciare parole arcane e misteriose, qualcosa su delle scheggie di notte e ossidiana volante.
Una luce color dello smeraldo lo accerchiò, annientando l'essenza che si andava accumulando tra le sue mani. La magia era stata annichilita, come un fiore strappato dagli zoccoli di un cavallo al galoppo.
Ringhiando il db si guardò attorno, infuriato per l'accaduto e innervosito dalle grida di agonia dei suoi sottoposti. Fu allora che la vide. Una ragazza bagnata da capo a piedi, seminuda, con corti capelli blu e occhi privi di iride e pupilla. Due gemme blu. Una visione di bellezza rovinata da uno scintilante alone dorato misto a quelle che sembravano raggi blu. un simbolo maledetto le brillava sul volto.
"Impura!!!"gridò, e una saetta di essenza azzurrina saettò dal propulsore in direzione della ragazza, ma quando questa colpì la murata dove si era trovata la ragazza distrusse solo il legno mentre la ragazza, con un paio di movimenti veloci, si era diretta verso il db. Questi tentò di caricare un nuovo colpo, ma la creatura maledetta che stava combattendo fu troppo veloce. Ruotando sul piede destro lo colpì col tallone sinistro su un occhio, accecandolo. Sentì la sua arma venirgli strappata di mano, mentre due mani deciselo spingevano verso l'acqua. Si aspettò l'acqua, ma priima del tonfo ormai previsto sentì una morsa tagliente e penetrante afferrargli il petto e trascinarlo in acqua molto più a fondo di quanto avrebbe fatto il suo peso.

Lein-an guardò il dinasta sparire nelle acquerosse che circondavano lo scafo sfondato, e poi si dedicò al suo bottino. Prese un medaglione che aveva trovato in un relitto e lo appoggiò al corto bastone in giada blu. Questi fu subito suo, mentre cantava vibrando l'accoglienza al suo nuovo padrone, o meglio padrona.



un anno dopo

"Rispettata figlia del crepuscolo, come mai mi hai chiamato? La tua magione è al sicuro, e i miei fratelli pasteggiano dei rarissimi sciocchi che si avvicinano ad essa. "
"Desidero la tua pelle Zanna imperiosa."
La risposta secca tolse il fiato al capo branco.
"Desidero una nuova pelle che mi protegga, e desidero che sia la pelle di un tuo pari a proteggere il mio corpo come già proteggete la mia casa."
"E come pensì di procurarti una simile pelle?"disse lo squalo, avvicinando la propria testa a punta verso l'Eccelsa.
"Guardati alle spalle."
La creatura temeva un attacco, ma non avrebbe mai mostrato paura a quella donna scelta dal sole.
Ogni timore passò quando comprese cosa stava sucedendo. pezzi d'argento e giada cadevano dalla superficie del mare fino al fondale dove si trovava il suo gazebo sottomarino per le udienze.
"Giada, argento. In quantità tale da pagare una piccola nave completa di equipaggio e scorte. Possiamo considerare la contrattazione conclusa? Dovrò farmi da sola la veste che desidero, quindi spero capirai,ma ho una certa fretta!"
Lo squalo chiamò. Il più forte dei suoi guerrieri accorse, e il capo gli trapassò il capo usando una sola mano.
"Il più forte dei figli di Siakal di questa zona, dopo di me. la sua pelle è tua onorata amica del branco. che ti protegga da ogni male."


Altro biscottino...la prima stazione dell'iniziazione al circolo terrestre della magia.

L'aria era rovente nelle narici e nella bocca di Lein-an, nonostante l'umidità della notte. Erano ormai quattro ore che lavorava senza sosta nella capanna dello sciamano, lavorando e piegando assi di legno per costruire prima una barca ed ora un altare. “Questo altare sarà vivo grazie alla giada che inserirò negli incastri. Gli spiriti stessi l'apprezzeranno e l'altare potrà persino sembrare vivo.”
Lo sciamano la fissava da ore, sempre agitando un fastidioso sonaglio vegetale con le sue braccia tatuate di diversi colori. Era rimasto piuttosto sorpreso nel vederla scattare dalla barca e mettersi a lavorare quasi febbrilmente, e non aveva smesso di guardarla intonando a bassa voce strane nenie e canti.
Lein-an lo aveva trovato al minuscolo porto dell'isola Scheggia di pietra dove si trovava per cercare un passaggio verso una città più grande dove, si diceva, si trovasse un mercato per i Cercatori (Scavenger Lord). Lo sciamano l'aveva chiamata per nome, insospettendola non poco. Ma per assicurarle che aveva semplicemente ricevuto una visione da parte degli dei, aveva tracciato nella polvere che copriva il molo un simbolo che Lein-an conosceva bene, per poi annuire in direzione del suo polso destro fasciato. Per un attimo alla Solare sembrò di non avere la fasciatura, che immediatamente accarezzò con la mano sinistra. Per fortuna era ancora al suo posto. “Un sole che sorgeva dai mari mutati del wyld mi ha parlato di una giovane donna che dovevo trovare.” Disse l'uomo con le braccia tatuate “Questo simbolo le avrebbe permesso di riconoscermi, e, una volta condotta alla mia casa la aiuterò a muovere i suoi primi passi, insegnandole quello che so. E canterò per lei. ”. Una volta giunti alla sua capanna la Crepuscolo aveva visto una capanna cadente, una barca che a stento galleggiava e un altare che avrebbe offeso anche lo spirito minore di un pitale.
Vedere un simile sfacelo le aveva dato il volta stomaco. Ogni oggetto dentro e attorno alla capanna sembrava un monumento al disordine e alla trascuratezza. Poi si voltò verso il suo nuovo insegnante e vide nei suoi occhi una leggera aria di tristezza e rammarico, come se all'uomo dispiacesse doverla accogliere in un luogo talmente misero.
Senza neanche chiedere il permesso, ma sorridendogli dolcemente cominciò ad abbattere la capanna e l'altare, lasciando che lo sciamano salvasse da solo gli oggetti che riteneva cari o importanti. Con una accetta arrugginita staccò diversi alberi in un paio d'ore per poi trasportarli a gran fatica verso i resti della capanna. Qui lo sciamano aveva acceso un fuoco, e bisbigliava scuotendo un sonaglio. Lein-an allora cominciò a lavorare sul serio. Con le mani cominciò a scolpire e modellare molte assi, con le quali costruì una barca. Prese degli strani tuberi vicino alla riva, e li mise a scaldarsi sotto le braci del fuoco. Quindi si mise a lavorare altro legno per creare un altare. Lo fece semplice, ma estremamente preciso nelle misure, per le quali usò i pochi rudimenti di numeri sacri e magici che possedeva. Non sarebbe stato magico, ma sarebbe stato gradito agli spiriti. Non lo colorò, ma usò varie cortecce d'albero per ottenere delle decorazioni naturali e varie allo stesso tempo. Poi, da un ceppo più grande ricavò un rudimentale secchio. Il legno interno lo sminuzzò con le mani, tranne una piccola parte, dalla quale ricavò due spatole rudimentali. Recuperò i tuberi caldi da sotto le braci, ne forò la buccia e lasciò colare un liquido trasparente e caldo nel secchio. Con le spatole spalmò quel liquido caldo e odorante d' alghe sulle assi della chiglia della barca, che poi spostò vicino al fuoco affinchè si asciugasse. L'aria che respirava era profumata, ma calda tanto da infastidirla e farla lacrimare.
Ora, era giunto il momento di costruire una capanna coi fiocchi. Scelse quattro palme robuste e disposte nel modo giusto. Le incise lungo tutta la loro lunghezza e vi infilò le assi per creare una struttura solida, ma per farlo incuneò violentemente e profondamente il legno delle assi in quello della palma. Aveva sentito dire che una cosa simile si chiamasse innesto, ma non era sicura avrebbe funzionato, quindi pregò gli dei del legno di benedire quella casa, e di rendere viva ogni sua parte. In cambio prese da un sacchetto che portava al fianco dei pezzi di giada, che ridusse in schegge che usò per fissare alcune delle assi. Quella capanna sarebbe stata una casa ed un tempio. Gli spiriti gradirono l'offerta e da quel momento ogni incastro fatto da Lein-an sembrava chiudersi come una ferita che guarisca. Prese alcune foglie di palma che tagliò in striscioline, e intrecciò dei pannelli per completare le pareti. Quando rialzò la testa per detergersi dal sudore vide che l'alba stava sorgendo, e che lo sciamano camminava verso di lei.
“Figlia del crepuscolo ti chiamano gli spiriti. Costruttrice di cose vive ti chiamo io. Gli spiriti dicono che tu hai compiuto il tuo primo passo verso il cammino che segui. Accetta la benedizione di un povero sciamano che è stato lieto di esserti d'aiuto, pur non sapendo nulla né di te né del tuo scopo. Pur non avendo nulla da insegnarti Potente Signora. Chi sei, e qual'è il cammino che segui?”
“Sono una prescelta del sole invitto. Seguo il suo cammino.”.


Quattro mesi dopo, la stazione dello zenith e del crepuscolo in una sola prova

“Salve donna.”. La voce l'aveva distratta dal suo lavoro. “Pessimo inizio.”pensò.
“Ho bisogno di una scimitarra, affilata e resistente.”. “Già meglio.”
Lein-an dedicò alcuni secondi nell'osservare l'uomo di fronte a lei. Era alto quanto lei, biondo, con la pelle abbronzata tipica dei marinai, però non era un semplice marinaio. “Sicuramente un ufficiale, e molto sicuro di sé. Probabilmente un altro bastardo di Coral.”
“Quanto affilata e quanto resistente?”chiese la ragazza. “Abbastanza da tagliare una trave, e da resistere da colpi molto forti.” rispose l'altro.
“Quando salperai?”
“Cerchi un passaggio per caso ragazza?”
“Voglio sapere quanto tempo ho per forgiarla, la tua scimitarra non è l'unica ordinazione che ho accettato.”
“Domattina con la prima marea abbandonerò quest'isola per recarmi a Bianca Spuma. ”
Quel nome fece scattare Lein-an. Bianca Spuma era una antica città di Wavecrest, piena di tradizioni e conoscenza. Era la patria degli artigiani che si occupavano del mantello piumato del signore di Wavecrest. Si girò cercando di rimanere impassibile ma capì dal sorrisino sul volto dell'altro che non aveva citato a caso l'antico insediamento.
“3 mine. Niente conchiglie. Pagamento anticipato.”
L'uomo prese da una fascia alla vita tre sbarrette di giada con il familiare sigillo imperiale e le lanciò alla giovane.
“Hei, e dove ti trovo?” urlò Lein-an, ma l'altro stava già uscendo dal negozio.
“Terzo molo entro domattina. Portami una spada ben fatta. ”rispose quello dandole le spalle.
Lein-an era curiosa. Quel tipo sapeva come muoversi, e sembrava sapere su di lei più cose di quante avrebbe desiderato far sapere. Teneva ben nascosta la sua arma in Giada blu, e non aveva legato con nessuno, ma chiunque con del tempo a disposizione e un po' di sale in zucca avrebbe collegato le varie domande che aveva spesso posto ai locali sulle navi che fanno servizio regolare verso Bianca Spuma.
Scacciò tutte le preoccupazioni e si diede da fare per completare tutte le ordinazioni nelle poche ore che aveva a disposizione. Chiuse per bene la bottega e lavorò utilizzando tutti i propri talenti, persino quelli che la avrebbero identificata immediatamente come eccelso.
La mattina dopo lasciò la bottega vuota e una lettera di indicazioni. Dopo due ore era sulla nave dello strano tipo del giorno prima, che si era rivelato il capitano della nave, osservando l'isola che l'aveva ospitata per 2 mesi senza alcuna emozione.

“E così vuoi cercare maestri che ti aiutino nell'apprendere la magia.”
“Esatto, e a Bianca Spuma sono famosi per le conoscenze più antiche di tutta Wavecrest.”
“E a cosa diavolo ti serve la magia per costruire la tua nave dei sogni?”
“So già tutto quello che si può desiderare di sapere sulla carpenteria, sull'ingegneria navale. Ora voglio conoscere ciò che mi servirà a fare una nave speciale. ”
“Saggi, puntate sempre troppo in alto. Vuoi fare una nave speciale? Costruisci una nave che sia adatta alla navigazione, rendila più adatta alle esigenze del suo capitano, e non alle necessità economiche della sua costruzione. Nei cantieri costruiscono le navi seguendo criteri economici, senza preoccuparsi dei bisogni effettivi della navigazione. Costruire navi a quanto pare è una faccenda estremamente costosa, e saprai benissimo anche tu come vanno queste cose.”
La ragazza sembrava quasi offesa. “Vorresti dire che non sarei in grado di fare una nave come si deve?”
“No, semplicemente che per quanta magia tu ci metta sarà sempre come tutte le altre se non sai nulla di navigazione.”
“Allora insegnami Capitan Naufragio. Insegnami come si naviga. Poi vedremo se le tue conoscenze saranno state tanto utili.”

Un mese dopo:

“Avanti Lein-an, ormai siamo in vista dell'isola, intendi piallare a mani nude la chiglia anche in porto?”
“Ovviamente no, al porto finirò di piallare la parte sommersa della chiglia.”
“Ma così non ti perderai la possibilità di sbarcare a cercare la tua magia?”chiese il capitano con un sorriso malizioso.
Un tutta risposta uno straccio bagnato lo colpì in pieno volto.
“Non ammetterò mai che avevi ragione, piuttosto mi unisco ai Lintha. Ora datti una mossa e tirami su, andrò a comprare un libro che mi serve, e non voglio perderci tutto il giorno, visto che dobbiamo ripartire con la marea della sera.”.
“Dobbiamo?” chiese lui aiutandola a superare la murata.
“No, non dobbiamo in effetti, dato che sei tu il capitano sei libero di scegliere, ma dopo aver passato un mese a sentire le tue storie infinite sulla navigazione, e aver reso la tua nave un vero gioiellino senza aver bisogno di un bacino di carenaggio se pensi di liberarti di me ti sbagli di grosso.”
“Credevo cercassi la magia.”
“E chi può dire dove conduca questa barca?”


la stazione finale, la stazione dell'eclisse.(so che manca la notte, ma quella la terrò segreta)

“Devo essere impazzito per essermi lasciato convincere.”
“Nessuna pazzia capo. Siamo molto vicini al territorio dei lintha, e mentre io mi immergo per visitare questo presunto cimitero di navi, tu difenderai la nave con le abilità di combattimento. Mi sembra la cosa più logica. Non sarai preoccupato per me spero!”
“Non dire stronzate Lein, sono preoccupato per la mia nave, da quando sei salita a borddo non fai altro che modificarla e lavorarci sopra, se dovessi rimanerci secca nessuno saprebbe esattamente come riparare la nave da te modificata.”
“Allora non preoccuparti, non intendo certo lasciarti rovinare la barca alla quale ho dedicato tante attenzioni.”E detto questo Lein-an si lasciò cadere dalla nave con i suoi pesi, il suo lancia arpioni e due sacchi di rete.

L'acqua era molto limpida ora che il fango si era sedimentato. La sera prima nell'intera zona l'acqua era diventata torbida e piena di terriccio. Un fenomeno documentato come movimento tellurico, e che, secondo le leggende, accompagnava sempre il comparire del cimitero delle navi perdute.
“Ogni anno. All'inizio del mese della terra. Probabilmente gli spiriti sistemano il fondale e avvicinano i relitti perduti alla superficie. Ora vediamo cosa riusciamo ad ottenere da questi relitti.”
Era freddo, ma ancora chiaro, e il fondale era visibile a 30 metri. Sagome oscure e appena affioranti si notavano a malapena, illuminate leggermente dai pochi raggi del sole che penetravano fino a lì.
“Tra un paio d'ore sarà lo zenith, e allora forse vedrò meglio, per ora non mi arrischio ad usare la mia aura.”
Scese dolcemente, senza fretta. La sua gemma la proteggeva dall'acqua, ma non dalla pressione, e sapeva per esperienza che una discesa ed una salita troppo rapidi la avrebbero uccisa tra atroci tormenti nelle migliori ipotesi. In un ora giunse sul fondale, sollevando pochissimo fango. Ogni suono era ovattato, ma sentiva dei lenti scricchiolii provenire da tutt'attorno a lei. “Legno e pietre, anche metalli dal suono.” Forse il fondale non è così stabile, vediamo un po'. Attivò la sua vista particolare, che le permetteva di scrutare attorno a sé per vedere gli spiriti, ma si trovava sola. “Questo è strano, ma forse sono sotto il fondale.”
Cominciò a muoversi verso il relitto più vicino. Era sicuramente una nave dello shogunato per la forma dello scafo, eppure era rimasta solo parte dell'intelaiatura. Tutto era ricoperto di licheni e crostacei.
Lein-an esplorò la zona con calma e cura, osservando gli scheletri saccheggiati da tempo di quelle maestose navi. Guardando verso l'alto vide la sagoma della bireme, e si annotò mentalmente delle probabili modifiche da fare alla nave.
Passò lo zenith. Lein-an era stanza e affamata, ma le meraviglie che vedeva attorno a sé erano troppo interessanti. Decise di attivare la sua aura, e così tutto attorno si illumino della luce dorata e blu della sua aura. Fu allora che la vide. Di fronte a sé, in un avvallamento vide una sfera di giada nera che rifletteva la sua luce. Ne rimase affascinata, e dimentica di ogni precauzione si avvicinò ad essa. Era scura, ma trasparente. Al suo interno vide racchiuso un libro. “Un trattato di magia...non è possibile”
L'afferrò e la mise in uno dei due sacchi di rete, ma quando si chiese: “Un momento, perchè non è già stata presa?”era troppo tardi.
Una enorme voragine si aprì al suolo, mentre il fondale si apriva come una bocca. La voragine risplendeva di un migliaio di gemme che brillavano riflettendo la luce della Crepuscolo. Lein scattò verso l'alto staccandosi i pesi di dosso, ma era combattuta su cosa fare. Mentre decideva che fare una voce la richiamò, distraendola il tempo sufficiente a bloccarla in una morsa di terra. “Figlia del crepuscolo, che cosa pensavi di poter fare..di poter saccheggiare la mia casa...stolta, ora anche i tuoi amici pagheranno il prezzo della tua arroganza.” Una donna coperta di madreperla la osservava. “Una fatata? Qui?” In quel momento sentì un tonfo seguito dal suono di qualcosa di molto veloce. Riconobbe il suono ancora prima di vedere il capitano calare verso il mostro avvolto nella sua armatura subacquea. I due cominciarono a lottare mentre Lein-an studiava la situazione. La fatata stava mantenendo bloccato il capitano sfruttando correnti provenienti dalla voragine e colore della madreperla, e presto l'avrebbe ucciso, o addirittura usato come proiettile per affondare la nave. Si guardò attorno e vide la sfera di giada nera strappare la rete e cominciare a oscillare verso l'abisso sottostante. In mano sentiva il lancia arpioni, ma non aveva abbastanza spazio per lanciarne uno. Poi capì. Era il momento di scegliere.
Aprì il suo cuore all'essenza che le albergava dentro e sotto la superficie dell'oceano promise: “Sono una viaggiatrice, la mia meta è chiara, ma il viaggio conta sopra ogni cosa. Questo mi ha insegnato il mio capitano. E mi ha anche istruito, mostrandomi dove si trova la vera saggezza. L'umiltà dell'alba mi porta a rinunciare ad un'ambizione sfrenata, mentre la saggezza dello zenith mi dice di rispettare gli insegnamenti datimi dal mio capitano, il viaggio del crepuscolo mi ha insegnato a capire che non sempre la meta che ci si aspetta è quella che realmente vogliamo. La notte della paura mi ha insegnato a non cedere di fronte alle mie paure, mentre qui, nel momento del sacrificio rinuncio alla bellezza dei miei magnifici occhi, perchè troppo a lungo sono stati ciechi. Che essi non siano fonte di bellezza, ma di dubbio, la fonte di ogni saggezza.”
Lein-an sentì l'acqua del mare bruciarle gli occhi, e quando fu nuovamente in grado di vedere fu tutto diverso. La sua aura si fondeva con l'acqua, era acqua proveniente dalla sua anima e illuminata dal sole, la creatura era magnifica nella sua crudeltà, e il vigore e la forza del capitano rendevano i suoi movimenti più energici e vivi, persino nei colori.
Lein-an aprì la mano e pronunciò parole che conosceva da sempre, ma che non aveva mai saputo di sapere, se non in quel momento. Un vortice di energia smeraldina si concentrò nella sua mano e poi si dileguò nella corrente del mare, come un maelstrom, ma contrario alle correnti manipolate dalla fatata, annichilendole. Il capitano non esitò e piantò la sua scimitarra d'acciaio nel petto della creatura che sorpresa, cadendo nell'abisso guardò verso Lein-an.
Mormorò qualcosa, e Lein-an sentì la terra cercare di trascinarla nell'abisso, assieme alla sventurata fatata e a tutti i relitti che la stavano seguendo verso le profondità del fondale. La terra la ricoprì e si chiuse sulla ragazza. Il capitano si preparò a seguirla, ma non ne ebbe bisogno. Un secondo lampo di luce verde abbagliante squassò il fondale, facendo svanire la terra, lasciando solo i relitti e una maestosa ragazza avvolta da luce dorata con striature blu che si fondevano con l'acqua ora pulita che la circondava. Una rete vuota le pendeva da un fianco, mentre con la mano sinistra reggeva il suo propulsore ben stretto. Il libro di magia era andato perduto, ma era un male minore. Ora la ragazza possedeva la magia nella sua anima.
Last edited by coranis on Sat Jun 24, 2006 6:24 pm, edited 1 time in total.
I miei Achievements da Narratore:

(ST) Harlgblgrlb: Narra una sessione ubriaco.
(ST) L'incubo di tutti: Crea un nemico abbastanza orrorifico da spaventare i tuoi giocatori, i tuoi personaggi, o entrambi.
(ST) Ooops - Uccidi con un colpo un PG usando un incontro che pensavi fosse bilanciato.
(ST) Dividiamoci, Squadra - Narra una sessione dove il gruppo si divide in almeno 5 entità separate.
User avatar
coranis
Eccelso4
Eccelso4
 
Posts: 3551
Joined: Tue Jun 14, 2005 11:29 am
Location: Gaiarine(Deep wyld), oppure una casupola nelle foreste di Halta. Le Vacanze a Chiaroscuro
Casta: Zenith

Postby Eneth the black slayer » Thu Jun 22, 2006 6:22 pm

bene bene, vedo che di idee e voglia ce n'è (non che non me lo aspettassi da coranis!)
posso comunque annunciare che si potrà cominciare molto prima del previsto,
se alternata con l'altra avventura diventa per me molto gestibile, e la preparazione è già a buon punto.
Se gli altri 2 fanno le schede si può pensare di iniziare già tra un paio di settimane!
The paua is incredible,my legs goes on fire! :sajan:
Quando Chuck Norris gioca a pocker il piatto piange!
Cmq dipende dalla situazione!
Image
Image
Image
User avatar
Eneth the black slayer
Eccelso3
Eccelso3
 
Posts: 2706
Joined: Tue Jun 21, 2005 1:29 pm
Location: Venezia

Postby Eneth the black slayer » Wed Jun 28, 2006 11:46 pm

Bene signori, prima del previsto (black era troppo fatto per masterare, però dopo si è svegliato) la ciurma ha dato il via alle danze.

i personaggi li posto poi, ora intanto la prima sessione (che conosciate c'è coranis sotto le spoglie di lein-an e black sotto quelle di capitan naufragio)

La prima scena è quella del reclutamento di uno dei membri dell'equipaggio, lo zenith che si fa chiamare il poco misericordioso, eccelso che sfrutta le proprie capacità per mutare l'aspetto, infiltrarsi nelle tratte di schiavi per poi massacrarne l'equipaggio e liberarne i poveretti imprigionati. Anche questa volta la trappola scatta, e dopo qualche ora di viaggio il solare rivela la sua identita ammazzando guardie e schiavisti della nave.
In quel momento sta giungendo alla stessa nave, presa come bersaglio, la biremi del capitan naufragio, che assieme a lein-an e tempesta nell'ombra(un notte conosciuto come "lo spettro"... sono tutti molto famosi... :badgrin: ). questi assaltano la nave mentre nella stiva infuria l'ira di dhoko (lo zenith).
Non serve spiegare come in pochi secondi i nemici siano eliminati. La nave viene venduta, gli schiavi liberati e lo zenith si aggrega alla "combricola" Nonostante ciò, lein-an e tempesta nell'ombra sono molto scocciati dell'assenza di giada o altro nella nave, ma vabbè, così va la vita! ;)

Stacco temporale, e l'avventura inizia per davvero.
Una mattina, dopo un anno preciso, mentre capitan naufragio prepara i suoi uomini per il solito giretto mattutino (ovvero esplorazione delle zone circostanti per raccolta di "prede") una luce verso l'alto coglie la sua attenzione: è una freccia, che atterra a poca distanza dai suoi piedi. Attaccata ad essa c'è un foglietto in cui c'è scritto con una bellissima calligrafia: "Tra un giorno preciso attaccherò la vostra isola! Preparatevi!" Il capitano è stizzito e incazzato non poco, e prepara subito ricerche. Tutti corrono sulle creste delle montagne circostanti (sono in un isolotto creato da un vulcano spento(ce n'è uno attivo al centro) le cui pendici coprono l'insediamento al suo interno, nascondenone i pirati) e scrutano l'orizzonte. A parte un bagliore d'essenza che compare moooooolto distante, nulla si vede.
Si prepara uno spedizione notturna, ma pure quella non va a buon fine. Decidono quindi di attendere la mattina seguente e vedere chi si presenterà al loro cospetto. Lein-an corre sui picchi circostanti per scrutare l'orizzonte, dhoko si tuffa nell'acqua per tendere un imboscata e il capitano con tempesta nell'ombra preparano i loro uomini sulla spiaggia per la calda accoglienza. Pochi minuti prima dello scadere del tempo Lein-an scorge un forte bagliore che si avvicina molto velocemente. Lancia un arpione d'essenza per avisare quelli rimasti alla spiaggia e accorre per supportarli. Atterrano così sull'acqua davanti alla battigia due persone, un uomo e una bellissima donna.
L'uomo, carnagione scura con riflessi dorati, la donna con capelli neri e pelle sul pallido. Si presentano come Drazhar e Jen, e il motivo della loro visita è semplice: sfidare! I nostri solari si mostrano subito per ciò che sono, mostrando marchi e auree. Drazhar appena si rende conto di ciò che ha davanti fatica a trattenersi dalla gioia e i suoi occhi diventano lucidi dalla felicità. Jen tenta uno scherzetto al capitano, che ha deciso di sfidare da solo drazhar, provando a sottrargli molta della forza che possiede. Usando tale potere mostra di essere pure lei una solare, precisamente un crepuscolo. Il capitano con fatica resiste, bruciando però molto della sua essenza. Drazhar attiva alcuni poteri che lo mandano a sua volta in iconica, mostrando ai presenti la sua vera natura: un alba. I suoi pugni hanno degli smashfist di oricalco, e dietro porta un arco dello stesso materiale. Jen si incammina verso i soldati, sedendosi in mezzo a loro, sotto lo sguardo incazzato di Leni-an che si accorge dell'armatura di animacciaio che jen porta e la apostrofa con dure parole.
Il combattimento tra i 2 capitani ha inizio: i primi colpi sono a vantaggio del capitan naufragio, ma ogni ferità aumenta la voglia di combattere di drazhar che decide di impegnarsi più a fondo, scaricando un colpo sul capitano che lo stordisce non poco. Ma il combattimento, per il dispiacere di entrambi, viene interrotto presto. Jen sembra parlare da sola. Poi si alza e avvisa Drazhar che si è presentato un problema più urgente. Questo si gira infastidito, ma capisce che dovrà rinunciare alla sfida. Capitan naufragio, nonostante il colpo subito, riesce a colpire il solare con un affondo letale, che porta drazhar a digrignare i denti per il dolore. Nonostante ciò, la sfida deve terminare, e con grande fastidio, drazhar estrae la spada del capitano e vola via assieme a Jen. Tutti corrono verso le montagne per vedere cosa sta succedendo al di là delle pendici. La scena è la seguente (dopo mezzora di camminata!) all'orizzonte si trova già quella che sembra la nave di drazhar, una nave dorata che viaggia ad una velocità incredibile, seguita da una biremi. Abbastanza vicina, all'inseguimento, si trovano 25 navi della flotta dell'acqua, 10 triremi e 15 biremi. Lein-an scorge tra esse 2 essenza, una rossa e una blu scuro, quest'ultima quasi a livello di quella dell'alba con il quale il capitano si è scontrato. Il capitano non aspetta altro tempo, corre con Dhoko e Tempesta nell'ombra al loro trimarano per partire anch'essi all'inseguimento. Lein-an intanto cerca il favore degli spiriti del vento per aiutare l'imbarcazione a navigare più velocemente... invano la sua preghiera fallisce. Ma appena si sta per dirigere verso i compagni, una voce le parla nella mente: è la voce di jen.
Questa le confida che non erano arrivati in quell'isola solo per la sfida, ma anche per cercare un potente artefatto, che si trova nel vulcano al centro della laguna dell'isolotto. Lein-an decide allora di recarsi al vulcano per cercare tale gingillo, mentre gli altri partono per razziare quello che possono. Dopo un oretta di navigazione riescono ad intravvedere alcuna triremi, che si stanno dividendo a raggiera e rallentando l'andatura. Prendono di mira la più esterna verso destra, ma uno squalo gigante gli attacca... in 3 secondi emmezzo dhoko lo trasforma in sushi ( :( ) e ripartono verso la triremi bersaglio. a un chilometro di distanza, circa, la nave nemica fa una strana manovra, subito spiegata dall'attacco di un grosso calamaro. I nostri eroi, per evitare che la nave venga distrutta aumentano l'andatura, per poi attaccarla. Il mostro era stato già scacciato dai preparati soldati imperiali... non abbastanza preparati per difendersi da 3 solari rompi scatole! la nave facilemente presa, capitano e guardie uccise. Il resto della ciurma viene lasciato libero su una costa a sud, dove viene pure venduta la nave.
Intanto, Lein-an chiede aiuto, sta volta con successo, allo spirito del vulcano, che le fa sapere dove l'artefatto si trova: sulla cima del vulcano. Lein-an arriva alla vetta, e scorge, grazie ai suoi poteri, uno schermo di fiamme al centro del lava. Chiama nuovamente lo spirito, al quale chiede come raggiungere tale posto. Infastidito, lo spirito si lamenta un po', ma alla fina, in cambio di preghiere e di una forgia stupenda all'interno del vulcano, crea un passaggio di pietra tra la lava. Tale passaggio permette alla crepuscolo di arrivare fino al centro. Unico problema: il ponticciolo si scioglie dopo il passaggio della solare.
Momentaneamente dissolto lo scudo d'essenza infuocata con una contromagia, lein-an si trova davanti ad un isolotto sopseso sulla lava con una casupola di pietra. Arriva alla porta e... suspence per la prox puntata!
Last edited by Eneth the black slayer on Thu Jun 29, 2006 7:23 pm, edited 5 times in total.
The paua is incredible,my legs goes on fire! :sajan:
Quando Chuck Norris gioca a pocker il piatto piange!
Cmq dipende dalla situazione!
Image
Image
Image
User avatar
Eneth the black slayer
Eccelso3
Eccelso3
 
Posts: 2706
Joined: Tue Jun 21, 2005 1:29 pm
Location: Venezia

Postby coranis » Thu Jun 29, 2006 10:33 am

Chiama nuovamente lo spirito, al quale chiede come raggiungere tale posto. Infastidito, lo spirito si lamenta un po', ma alla fina, in cambio di preghiere e di una forgia stupenda all'interno del vulcano, crea un passaggio di pietra tra la lava.


riscrittura?

Ho dovuto minacciare di sventrargli il vulcano...

dove viene pure venduta la nave


Perchè?????'Mi ci potevo esercitare!!!!! Potevo prendere le sue armi e dei buoni pezzi di ricambio....ma porc..

A cosa porta il caldo la notte? Che Coranis non dorme e prende in mnao le matite e fa schizzi e bozze, eccovi qua l'ultima dedicata alla rompipalle crepuscolo.

Image

Il viso ha i lineamenti tozzi perchè la penna era nuova e sembrava di usare un pennarello, poi si è sistemata.
Indossa un Buff jacket di pelle di squalo, ma quando non è in battaglia lo apre e lo lascia cadere fino alla vita come nell'immagine.
I due punti neri sul viso non sono frutto dell'acne, ma due piercing. Quello dietro di lei è il mandala della sua iconica
I miei Achievements da Narratore:

(ST) Harlgblgrlb: Narra una sessione ubriaco.
(ST) L'incubo di tutti: Crea un nemico abbastanza orrorifico da spaventare i tuoi giocatori, i tuoi personaggi, o entrambi.
(ST) Ooops - Uccidi con un colpo un PG usando un incontro che pensavi fosse bilanciato.
(ST) Dividiamoci, Squadra - Narra una sessione dove il gruppo si divide in almeno 5 entità separate.
User avatar
coranis
Eccelso4
Eccelso4
 
Posts: 3551
Joined: Tue Jun 14, 2005 11:29 am
Location: Gaiarine(Deep wyld), oppure una casupola nelle foreste di Halta. Le Vacanze a Chiaroscuro
Casta: Zenith

Postby Eneth the black slayer » Wed Jul 05, 2006 1:41 pm

Una carellata veloce sui primi due pg (gli unici di cui ho il background) di questa avventura. Posto pari passo ciò che mi hanno dato loro, in modo da essere il più oggettivo possibile!

Lein-An
(coranis)

nata a wavecrest, dove tutti dicono che le donne dovrebbero essere a terra, perchè più brave. Ma essendo figlia di uno squallido topo di sentina(la madre non si sa che fine abbia fatto o se centri qualcosa con il suo strano aspetto con gli occhi completamente blu) non voleva finire da sua zia a coltivare rape, e allora dall'età di 7 anni seguì suo padre sulle navi cucinando e pulendo per i vari ufficiali. Ovviamente c'è stato chi ha allungato le mani, ma suo padre cambiava nave così spesso che praticamente non ha corso particolari rischi. All'età di 15 anni assistette ad Abalone all'arrivo di Leedal Calin, nella sua maestosa ammiraglia della Flotta dell'acqua. Da quel momento decise che avrebbe costruito navi.
Cominciò a vagare di cantiere in cantiere, da officina a fucina per imparare tutto ciò che poteva sulla lavorazione dei metalli, del legno e sulla costruzione delle navi. Ovviamente dovette lottare molto per guadagnarsi un po' di posto a Wavecrest, ma riuscì ad imparare il necessario. Da lì si imbarcò su varie navi per sbarcare il lunario.
Poi un giorno, cercando di rintracciare una piccola baia su un'isola semi-deserta, la quale, si dice, contenga alcuni resti di navi della prima era, si immerge ai limiti dei suoi polmoni, ma sebbene veda sul fondale alcune ombre non riesce ad avvicinarsi. Per due giorni si dedicò ad altre immersioni, ritrovando piccoli pezzi di uno strano materiale dorato, incredibilmente resistente e lucente. Ha dei sospetti sulla sua natura, ma troppo vaghi. Passò un intero giorno sotto una palma con i pochi rotoli di pergamena che si portava sempre dietro sui vari metalli, e credette di aver trovato un metallo molto antico, un materiale dei famosi anatema. Passò un secondo giorno a cercare di scalfirlo, o perlomeno di capire come lavorarlo, ma era impossibile. Il terzo giorno sconsolata lo passò a guardare il mare, chiedendosi se davvero ce l'avrebbe mai fatta a realizzare il suo sogno.
Poi d'un tratto, al tramonto, quando il sole si fonde con il mare, vide alcune ombre muoversi sotto il pelo dell'acqua. Si tuffò e vide delle ninfe.
Avvolta da luce rossa sentì nuova conoscenza espandere la sua mente e nuove capacità scorrere nelle sue vene. Parlò alle ninfe e chiese il loro aiuto per esplorare la baia. Dopo una notte intera ad esaminare alcuni frammenti portati dalle ninfe andò al porto e annunciò al capitano della nave sulla quale si era imbarcata che non avrebbe più lasciato l'isola. In cambio di promesse, di favori e protezione le ninfe le mostrarono una magione abbandonata il cui potere era quello di far respirare sott'acqua. Con esso le ninfe la portarono sui fondali pieni di relitti della prima era, dove trovò resti saccheggiati (cioè privi di materiali o artefatti) di navi gigantesche e meravigliose.
Poi nella sua magione trovò i resoconti di un esploratore db della prima era che parla di alcune meraviglie. Un città sul mare, un drago meccanico di bronzo, e un misterioso guardiano dei mari.
Cominciò ad accumulare molto denaro compiendo riparazioni straordinarie, grazie alle quali migliorò le proprie capacità, ma si accorse che ben presto sarebbero venuti a cercarla altri sangue di drago
Una piccola nave con un giovane capitano db del nord appena giunto per farsi un nome all'ovest aveva trovato dei documenti che parlavano della magione trovata dal mio personaggio. Ovviamente gli spiriti gradivano di più la mia presenza che quella di un db stronzo e arrogante, e dato che il tizio aveva maciullato una ninfa per avere conferma le altre hanno chiesto a me di proteggere la zona. Assieme abbiamo fermato la nave e poi mi sono occupata del capitano. Un arrogante bastardo al quale ho fregato il lancia arpioni e della giada, con la quale mi sono costruita una veste di pelle di squalo siaka. La morte di un db, per quanto scacciato in malo modo dal nord secondo le sue ricerche, non passa mai del tutto sotto silenzio.



Capitan Naufragio
(black razor)

E' un giovanotto dell'Ovest, con capelli lunghi biondi ed incolti, occhi gialli e pelle quasi bronzea.
Per l'Esaltazione devo ancora deciderlo bene, ma le ipotesi gravitavano tutte attorno allo sclero durante un attacco/razzia dei Lintha, e la conseguente devastazione dell'equipaggio della nave responsabile e la liberazione di schiavi (che sarebbero i suoi attuali seguaci, quelli della nave).
Poi si è messo a rapinare le navi del regno, della gilda e dei lintha, acquisendo una fama di temerario pirata , per i suoi assalti a flotte anche più numerose (in uno di questi raid avrebbe preso l'armatura). Per questo avrebbe Influenza a 3, essendo conosciuto come Capitan Naufragio,
comandante della /Siaka Dorato/.Si è fatto qualche nemico grosso, come il capitano della /Prince
Desolation/, un condottiero dei Lintha (Nemico a 2), perchè

1. Ha dichiarato che vuole fregargli la nave (un vascello dellaPrima Era)
2. Ha dichiarato che il pirata medesimo è, in generale, un pipparolo ed una mezza calzetta e che, se fosse per lui, ci pulirebbe il ponte.
3. Gli ha ammazzato il fratello (anche se per un Lintha non è un granproblema)

Inoltre la Wyld Hunt sa di lui (Anatema Conosciuto a 2).


Come carattere, è un borioso, ed un gaudente. Sempre pronto a gettarsi
nei casini prima di sapere quali siano (Temperanza 1), tanto si ritiene
superiore a qualsiasi minaccia che il mondo possa porgli davanti: lui è
il migliore, dopotutto...(Valore a 4).
Non è che non gliene freghi niente delle altre persone, ma non ci fa
caso...(Compassione a 1); tuttavia quando viene punto sul vivo non si tira
indietro davanti a nulla pur di andare a fondo in ciò che ritiene
importante (Convinzione a 3, FDV a 8). [EDIT]curatevi che coincidenza: sta faccina finale era in verità 8(valore di fdv) e una parentesi finale, ma ci sta troppo bene col personaggio, quindi non metto lo spazio perchè è troppo fisso!
The paua is incredible,my legs goes on fire! :sajan:
Quando Chuck Norris gioca a pocker il piatto piange!
Cmq dipende dalla situazione!
Image
Image
Image
User avatar
Eneth the black slayer
Eccelso3
Eccelso3
 
Posts: 2706
Joined: Tue Jun 21, 2005 1:29 pm
Location: Venezia

Postby Eneth the black slayer » Thu Jul 06, 2006 12:21 am

La porta viene aperta e all'interno Lein-an scorge una figura: un uomo con un cappello che gli copre la faccia, guance rigate da lacrime e bottiglia di qualche alcolico pesante in mano. Sul tavolo di fronte il ritratto di una giovane ragazza, che poi si scopre essere la ex-compagna del tizio.
La storia che Lein-an ascolta, tra una scena e la'ltra, è la seguente: l'uomo, che poi si scoprirà essere un db del fuoco del regno di 200 e passa anni, aveva perso la ragazza e i compagni in una missione molti anni addietro. Poi si era rifugiato, disperato, in questo vulcano dove il dio, impietosito, lo aveva ospitato e accolto come un figlio. La ragazza, a quanto pare, era la protettrice dell'oggetto che Lein-an sta cercando, e in punto di morte l'ha donato a Ikarius, il db del fuoco che ora fa da guardiano a tale artefatto.
Ikarius fa sapere a Lein-an che gli porterà l'oggetto che sta cercando in una radura a sud del vulcano entro le prox 2 ore, sempre se si dimostrerà degna. All'appuntamento giungono anche gli altri compagni, di ritorno dall'inseguimento della triremi del regno.
Ikarius si presente in armatura completa, con un'enorme daiklave, tutto in giada rossa, pronto a vedere se Lein-an sia capace di prendere il suo posto di guardiano, ormai stanco di soffrire. Il terreno trema, l'aria si riempe di zolfo, e da crepe nel terreno, accompagnate da scosse continue, esplodono gayser di lava. Il db da sfogo a tutta la sua forza, evocando un armata immensa di guerrieri di fiamme, subito riconosciuta, però, dai nostri solari come un illusione.
Il combattimento inizia e Lein-an apre le danze, scaricando addosso al db un bel po' di cascate del terrore lacerante. La prima rischia di colpire capitan naufragio, le altre invece centrano il bersaglio, ma con scarso risultato. Il primo a colpire in corpo a corpo Ikarius è capitan naufragio, che sferra un attacco potentissimo che però non supera la pesante armatura. In risposta il db snobba l'alba e si dirige verso il suo bersaglio, Lein-an, la possibile futura guardiana dell'artefatto. Anche tempesta nell'ombra lo attacca, ma i suoi colpi vengono schivati facilmente. Ikarius sferra 5 attacchi a Lein-an, che però non riescono a ferirla gravemente. Dopo altri colpi di capitan naufragio e di Lein-an (tempesta nell'ombra non riesce a centrare il bersaglio o a superare la sua armatura) il db riceve alcune ferite più pesanti, ma è ancora in grado di sferrare un attacco micidiale verso la crepuscolo, che si ritrova ad avere ancora solo due livelli a -2. Ma in quel momento arriva Dhoko, rimasto in disparte per scelta, e decide che ormai il tempo è scaduto, e Ikarius va fermato. 2 colpi e il db è a terra senza un braccio, ormai in punto di morte. Ikarius vede allora in Dhoko il prossimo guardiano, e gli dona il tanto desiderato artefatto.
Questo è un disco di oricalco con da una parte una sorta di bussola con i 5 poli elementali, e dall'altra 5 quadranti, riconosciuti dalla crespucolo come indicatori di isola, miniera, porto, cantiere. L'ultimo, un punto di domanda, rimane un mistero. Grazie all'aiuto del dio del vulcano (che dopo molte discussioni riesce a portare via il corpo di Ikarius con le sue vestigia per poterli dare degna sepoltura) riescono a capire che tale oggetto può indicare la zona scelta (x es un'isola) più vicina.
Si preparano così, dopo che Lein-an ha riparato la nave rubata e creato delle spade perfette per tempesta nell'ombra, a salpare verso la costa di An-teng dove vendere la trireme e liberare i soldati del regno. Fatto ciò, partono verso il mare aperto.
Dopo un oretta di viaggio decidono di utilizzare l' essencepose (l'artefatto) per cercare il porto più vicino. Seguono così la rotta mostrata dell'oggetto ma si imbattono (da lontano) in una decina di navi lintha (indicava blueheaven). Decidono di seguirne una, ma quando l'hanno quasi raggiunta, questa sembra inserire il turbo e partire ad una velocità incredibile. Dopo un po', riescono a vedere che sotto lo scafo ci sono una decina di demoni che sospingono la nave. Lasciano perdere il "bottino galleggiante" e decidono di dirigersi verso la miniera di giada più vicina.
Arrivata l'oscurità, tempesta d'ombra avvista un'isola. Subito sbarcano sulla sabbia, e il capitano e il notte si avviano nell'esplorazione. Abbattuti un po' di alberi per passare, e spaventati i poveri animali locali, i 2 si imbattono in una 15ina di uomini che gli chiedono di fermarsi. La riposta dei nostri eroi è negetiva. Uno degli uomini si fa allora avanti e spiega che la richiesta è giustificata dal fatto cha il loro capitano (una donna) sta molto male e si trova al centro della foresta, in una radura (dove si scorgeva dalla spiaggia una luce) e chiedono di lasciarla tranquilla, a meno che non abbiano un medico per aiutarla.
Capitan naufragio (in limite per essere stato sfidato anche da Lein-an durante il viaggio) non vuole saperne, lanciandosi nella mischia. Entrambi i solari fanno esplodere le loro anime, e in risposta ricevono una decina di frecce, ovviamente parate. Il tizio che prima aveva parlato si fa avanti di nuovo, e spedisce gli uomini alla radura, dicendo che qui ci avrebbe pensato lui. Dal bosco escono altre 2 figure che si apprestano ad aiutare l'uomo che sta tentando di trattenere i nostri. Nemmeno un altra supplica riesce a frenare questi impulsivi e assetati di sangue solari, che si scaglino a combattere. I 3 uomini, però, nell'istante prima di lanciarsi all'attacco bevono un liquido rosso che li ingrossa almeno il doppio di prima.
Il combattimento all'inizio sembra più equilibrato del previsto, ma il secondo attacco del capitano ferisce gravemente l'uomo contro cui stava combattendo, e due attacchi incredibili di tempesta nell'ombra uccidono sul colpo gli altri 2, tagliandoli di netto. L'unico soppravissuto viene tramortito. Pochi attimi prima erano giunti Dhoko e Lein-an, non stupiti del trovare gli altri 2 invischiati in un combattimento. Tempesta nell'ombra fruga nei due corpi ormai dilaniati, e in uno recupera una boccetta con lo stesso liquido che i nemici avevano bevuto.
I 4 si avviano verso il centro del bosco, e arrivano alla radura (tempesta nell'ombra usa i suoi poteri per smaterializzarsi per non essere notato). Un soldato in uniforme si fa avanti tra i 30 uomini pronti a difendere il focolare dove il loro capitano giace. L'uomo supplica nuovamente i solari di fermarsi, di aiutarli, ma non c'è nulla da fare, il capitano sembra un invasato e si lancia urlando verso il gruppo. Ma Dhoko non ha intenzione di stare a vedere un altro massacro, e si prepara a fermare il suo capitano, cercando di farlo ragionare.
Riuscirà lo zenith a bloccare l'impeto dell'alba scatenato, o si assisterà ad una nuova carneficina?
The paua is incredible,my legs goes on fire! :sajan:
Quando Chuck Norris gioca a pocker il piatto piange!
Cmq dipende dalla situazione!
Image
Image
Image
User avatar
Eneth the black slayer
Eccelso3
Eccelso3
 
Posts: 2706
Joined: Tue Jun 21, 2005 1:29 pm
Location: Venezia

Postby coranis » Thu Jul 06, 2006 11:13 am

decidono di dirigersi verso la miniera di giada più vicina.


dopo aver spaccato la faccia a lein-an perchè ha preso come sfida anche una minima opinione contraria...abbiamo perso eneth, ma ora abbiamo il capitano..che caratterino...
I miei Achievements da Narratore:

(ST) Harlgblgrlb: Narra una sessione ubriaco.
(ST) L'incubo di tutti: Crea un nemico abbastanza orrorifico da spaventare i tuoi giocatori, i tuoi personaggi, o entrambi.
(ST) Ooops - Uccidi con un colpo un PG usando un incontro che pensavi fosse bilanciato.
(ST) Dividiamoci, Squadra - Narra una sessione dove il gruppo si divide in almeno 5 entità separate.
User avatar
coranis
Eccelso4
Eccelso4
 
Posts: 3551
Joined: Tue Jun 14, 2005 11:29 am
Location: Gaiarine(Deep wyld), oppure una casupola nelle foreste di Halta. Le Vacanze a Chiaroscuro
Casta: Zenith

Postby Eneth the black slayer » Thu Jul 06, 2006 11:29 am

dopo aver spaccato la faccia a lein-an perchè ha preso come sfida anche una minima opinione contraria...

potevi trapassarlo con una arpionata! :)
The paua is incredible,my legs goes on fire! :sajan:
Quando Chuck Norris gioca a pocker il piatto piange!
Cmq dipende dalla situazione!
Image
Image
Image
User avatar
Eneth the black slayer
Eccelso3
Eccelso3
 
Posts: 2706
Joined: Tue Jun 21, 2005 1:29 pm
Location: Venezia

Postby Eneth the black slayer » Mon Jul 24, 2006 12:47 pm

(questa sessione vedrà il personaggio tempesta nell'ombra impegnato in una missione importantissima nell'altrove, per scovare gli gnomi dalla pelle lucida e dalle forma a-naniche... il giocatore non c'era.)

Colto da improvvisa lucidità, il capitano decide di non caricare i soldati indifesi, ma di attendere e vedere la loro mossa.
All'inizio l'atmosfera si riempie di titub(p)anza, ma poi, da dietro le file della trentina di soldati si alza con fatica il loro capitano, nonostante i dottori le supplicassero di non sforzarsi.
Alla fine I nostri vengono accolti nella tenda di Pafan, che si rivela essere una god-blooded della potente madre delle tempeste Sikunare, oltre che una delegata di wavecreast. Spiega ai solari che il suo invito è più spinto da necessità che gentilezza, vista l'uccisione da parte loro di 3 dei suoi uomini migliori.
Necessità che subito viene rivelata: la sua malattia (che in verità lein an scoprirà essere una maledizione di Sikunare stessa) non le permette di continuare la sua missione. Propone quindi ai nostri pirati di condurla loro per lei, in cambio ovviamente di denaro e fama. Giustamente i nostri prima di accettare chiedono delucidazioni, ma si dimostrano comunque propensi.
La missione di Pafan ha 2 facce:
> la prima, ufficiale, è per il regno di wavecreast, per il quale doveva contattare i fatati della tribù dei drummers per stringere una sorta di patto. L'intenzione di wavecreast, che non vuole uscire apertamente come belligerosa, è di "sfruttare" tali fatati per attaccare e eliminare un altra tribù di fatati, quella della lancia artigliata (fanged spears) (colpire il nemico "con le stesse armi"). La tribù della lancia artigliata, infatti, è divenuta ultimamente un grosso fastidio per i commerci tra wavecrerast e gilda a causa di continui attacchi alle navi commerciali.
> la seconda è per la stessa Sikunare. L'azione diplomatica è la stessa, ovvero scatenare la guerra tra le due tribù per eliminare quella della lancia artigliata, ma l'obbiettivo è di poter aumentare l'influenza della madre delle tempeste, influenza limitata dalle scorrerie di tali fatati.
I nostri, dopo aver accettato, rimangono d'accordo con Pafan che, eseguita la missione, avranno ciò che si meritano; unica clausola: evitare l'uso della forza per non creare un incidente diplomatico tra wavecreast e i drummers. I pirati solari decidano però di non andare in nome di wavecreast.
Prima di lasciare pafan, lein-an le comunica la sua scoperta sulla malattia-maledizione, insinuando che potrebbe essere opera di Sikunare stessa. Ma la sanguedivino si stupisce e meraviglia di tale assurdità, ringraziando a fatica la solare.
Prima di imbarcarsi sul trimarano, sulla spiaggia al di fuori della foresta, lein-an nota una strana sfera di essenza nel cielo sopra loro, attorno alla quale si stanno formando delle nubi. Appena apre la bocca per avvisare i suoi compagni un fulmine le cade di fronte, lasciando davanti a lein-an una brutta vecchiaccia che sprigiona però un potere da non sottovalutare. Sikunare in persona, quindi, che apostrofa la solare per aver riferito alla figlia cosa che non la riguardano e che farebbe meglio a tenersi per sè. Furiosa, non concede molto tempo di risposta ai pirati e scompare attraverso un altro fulmine.
I Solari partono subito dopo, dirigendosi verso la zona indicata da pafan per trovare la tribù dei drummers. Arrivata la notte, si dividono i turni di guardia: il primo lo farà dhoko, poi il capitano e infine lein-an. Il turno della crepuscolo non arriverà, dato che, attorno alle 2 del mattino, mentre è il capitano a scrutare lì'orizzonte, una nave fa la sua comparsa.
Un "piccolo" yacht avanza verso di loro: Il suo retro è illuminato a giorno, come se fosse in atto una festa. Svegliati i compagni, il capitano compie una manovra diversiva per evitare/aggirare la nave. Questa però segue il trimarano fino a quando, a breve distanza vira e si mette di lato, ferma, come per invitare i solari a salire (scusate il gioco di parole...).
La nave appare molto bella al capitano, estremamente interessante per dhoko, e meravogliosa, quasi fosse una favola, per lein-an.
Appena saliti a bordo, i nostri sono accolti da un gruppo di mostricciattoli squamosi e da 2 fatati armati di tutto punto. Uno di questi si fa avanti e avvisa i solari che la sua signora (quindi non c'è dj dhamok... :cry: :roll: ) li sta aspettando. Sono su una nave dei drummers! Apre così la porta delle stanze della nave, da cui fuoriesce una luce incredibile.
I nostri si fanno avanti, e vengono accolti da una bellissima donna/fatata all'interno di una stanza difficilmente descrivibile dalla bellezza. Vengono fatti accomodare, e serviti di bibite squisite da altri due uomini/fatati che si trovavano all'interno della stanza.
Qui inizia un social combat con risulati molto simpatici: ciò che la fatata vuole, dopo aver comunicato ai solari che è stata avvisata da Sikunare della loro missione da parte di wavecreast (loro ci tengono a precisare che agiscono solo per fini personali), è di avere, in cambio dell'aiuto della sua tribù, sostegno da parte dei solari sia per combattere la tribù nemica, in modo da permettere la conquista dei territori degli avversari, che una sorta di rispetto futuro, ovvero di non attaccare navi che passino per i loro territori e di non mostrarsi aggressivi nei loro confronti.
Il capitano fissa il soffitto per astenersi dalla discussione; dhoko cade vittima del fascino della fatata e diviene il suo zerbino. Non contento, riesce pure a convincere lein-an che la proprosta della fatata è positiva.
I solari decidono di ritirarsi per riflettere sul da farsi... a parte dhoko che accetta volentieri la proprosta di onda cristallina (la fatata) di rimanere con lei mentre i suoi compagni decideranno... compagni che se ne sbattono amabilmente e se ne vanno lasciando lì il loro povero amico.
Mentre all'interno della nave dhoko fa nuotate in piscina, massaggi tra rose di acqua, docce con saponi floreali, al di fuori della nave i suoi compagni rischiano grosso: infatti, dopo essersi congedati da onda cristallina, e essere saliti sul loro trimarano, il capitano, con l'orgoglio ferito, decide di far capire chi comanda e si lancia in acqua sotto la nave dei fatati, mentre lein-an simula l'allontanamento del trimarano per non destare sospetti.
I sensi soprannaturali del capo dei fatati percepiscono il tuffo di capitan naufragio. Assieme a 2 degli altri 3 catafratti, il capo si lancia in acqua per controllare la situazione. Dopo qualche falsa risposta del solare, ne fuoriesce un combattimento , incitato dall'impulsivo capitan naufragio ma non voluto dai fatati per non creare il temuto incidente diplomatico.
Il combattimento all'inizio sembra pari, ma quando il solare non riesce ad evitare la presa combinata dei catafratti, la situazione si mette male. Il capo dei fatati cerca in tutti i modi di calmare il pirata, ma ogni sua frase fa arrabbiare ancora di più il nostro, bloccatto alla fine solo con la forza(incapacitato). Lein-an si accorge che qualcosa non va, e corre in aiuto del suo compagno lanciandosi in acqua. Decide che è il momento giusto per provare la droga da combattimento che tempesta nell'ombra aveva raccolto dai soldati di pafan, bevendosi l'intera boccetta. La sua forza triplica, ma il suo corpo non regge lo stress chimico di tale sostanza, subendo danni pesanti. Nonostante ciò riesce ad arrivare al gruppo di catafratti e scagliare di qualche metro il capo fatato, che però riesce a farle capire che è stato capitan naufragio ad attaccarli. In quel momento per il corpo della solare è troppo, e la droga la fa svenire. Immadietamente entrambi i solare svenuti vengono portati sul ponte della nave fatata, dove era appena giunto dhoko, che si era accorto di strani rumori provenienti dall'esterno (interrompendo con fatica l'intrattenimento di onda cristallina). Dopo essersi accertato di cos'era successo, e non faticando a credere dell'impulsività del suo capitano, affida le cure di entrambi alla fatata.
Dopo una mezzoretta lein-an si sveglia e discute con dhoko sul da farsi. Dhoko però non può stare a sentire tranquillo le insinuazione della solare, secondo cui onda cristallina l'avrebbe manipolato, o cose simili, e decide di farla riposare ancora un po stendendola con il KO blow. Magari ancora un po' di riposo avrebbe potuto farle bene!
Dopo qualche ora, invece, si sveglia il capitano curato personalmente da onda cristallina. Il solare non fa in tempo ad aprire gli occhi che rimane ammagliato dalla fatata, come dhoko. Desiderosi entrambi di compiere i voleri della bellissima dama (da morire vedere capitan naufragio che chiede scusa per il suo comportamente non consono alla situazione), si recano nuovamente da lein-an per cercare di decidere una buona volta assieme cosa fare.
Intanto la nave si sta dirigendo verso il capo della tribù dei drummers, in modo che i solari possano chiarire i loro dubbi direttamente con lui.
Appena la solare si accorge che anche il suo capitano sembra manipolato, decide finalmente di usare l'astuzia, e invita i suoi compagni a fare una sopresa alla "loro signora". Partiranno di nascosto e andranno a prendere la testa del capo della tribù avversaria per portarlela come dono.
Si avviano nell'oscurità della notte tra i corridoi della nave per giungere al loro trimarano e partire. Qualcuno sembra accorgersi dei loro movimenti, ma nessuno interferisce, e i solari riescono a partire tranquillamente.
Non sanno la direzione precisa da prendere per raggiungere la tribù della lancia artigliata, ma sono fiduciosi nella fortuna! :)
Dopo qualche ora di viaggio, durante il suo turno di guardia, lein-an simula un guasto al timone, per rallentare il viaggio e consentire ai suoi compagni di riprendersi dal potere di onda cristallina. Nonostante il sospetto di Dhoko e del capitano, tutto sembra andare bene.
Altri imprevisti verranno ideati dalla crepuscolo, e il tempo porterà nuovamente lucidità alle menti dell'alba e dello zenith. Come reagiranno i due? Il capitano darà ancora spazio alla sua ira? Dhoko userà i suoi poteri per risolvere la situazione? e l'incidente diplomatico sarà scongiurato o le tribù da combattere diverranno due?

Solo i nostri eroi potranno risponderci! 8)
The paua is incredible,my legs goes on fire! :sajan:
Quando Chuck Norris gioca a pocker il piatto piange!
Cmq dipende dalla situazione!
Image
Image
Image
User avatar
Eneth the black slayer
Eccelso3
Eccelso3
 
Posts: 2706
Joined: Tue Jun 21, 2005 1:29 pm
Location: Venezia

Postby Black Razor » Mon Jul 24, 2006 3:03 pm

Indegno. Se non avessi dovuto prendere tre quarti dell'albero di navigare, gli avrei fatto vedere io!
ATTENZIONE!
Ogni post che mi parli di quanto schifo fa Exalted sarà trattato come non esistente... non censuro ma ignoro quello che non mi interessa (non vorrei seguire esempi istituzionali)
User avatar
Black Razor
Staff Member
Staff Member
 
Posts: 5709
Joined: Thu Nov 25, 2004 4:57 pm
Location: Venezia o Malfeas, dipende dal giorno

Postby coranis » Mon Jul 24, 2006 4:33 pm

a dire il vero il master ha anche interpretato male una regola, e per questo la clinch è stata tanto devastante
I miei Achievements da Narratore:

(ST) Harlgblgrlb: Narra una sessione ubriaco.
(ST) L'incubo di tutti: Crea un nemico abbastanza orrorifico da spaventare i tuoi giocatori, i tuoi personaggi, o entrambi.
(ST) Ooops - Uccidi con un colpo un PG usando un incontro che pensavi fosse bilanciato.
(ST) Dividiamoci, Squadra - Narra una sessione dove il gruppo si divide in almeno 5 entità separate.
User avatar
coranis
Eccelso4
Eccelso4
 
Posts: 3551
Joined: Tue Jun 14, 2005 11:29 am
Location: Gaiarine(Deep wyld), oppure una casupola nelle foreste di Halta. Le Vacanze a Chiaroscuro
Casta: Zenith

Postby Eneth the black slayer » Mon Jul 24, 2006 7:20 pm

a dire il vero il master ha anche interpretato male una regola

il master? ho chiesto consiglio a voi... vabbè!
comunque un bonus in più di 2 dadi non era molto un vantaggio, ma vabbè...
Se non avessi dovuto prendere tre quarti dell'albero di navigare

non ti preoccupare che ti servirà.......
comunque hai avuto anche sfortuna!
The paua is incredible,my legs goes on fire! :sajan:
Quando Chuck Norris gioca a pocker il piatto piange!
Cmq dipende dalla situazione!
Image
Image
Image
User avatar
Eneth the black slayer
Eccelso3
Eccelso3
 
Posts: 2706
Joined: Tue Jun 21, 2005 1:29 pm
Location: Venezia

Next

Return to Voglia di Avventure!

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 1 guest

cron