-> Un Click Al Giorno toglie il Banner di Torno <-

Avventura tra le Terre degli Sciacalli

Lo spazio dove inserire le vostre gesta!

Moderator: Staff

Postby coranis » Sat Dec 23, 2006 12:26 pm

più che dal tipo di nemici è la situazione

I mortali sono extra, quindi al massimo in due colpi sono trucidati, ma mettiamo il caso che gli eroi debbano fermare un nemico che fugge. Di fronte gli metti una truppa di mortali guerrieri di elite non extra, con uno o due db loro capitani. La cosa avrebbe più pepe. I mortali non sarebbero un gran problema, ma il loro numero sfibrerebbero il morale dei solari.

Questo li porterebbe a dover reagire con maestosa possanza, il che renderebbe degna la scena. Oppure la usi come scena di fiaccamento secondo la tecnica del master black razor:

gli eroi prima devono soffrire e poi diventare mega eroi
I miei Achievements da Narratore:

(ST) Harlgblgrlb: Narra una sessione ubriaco.
(ST) L'incubo di tutti: Crea un nemico abbastanza orrorifico da spaventare i tuoi giocatori, i tuoi personaggi, o entrambi.
(ST) Ooops - Uccidi con un colpo un PG usando un incontro che pensavi fosse bilanciato.
(ST) Dividiamoci, Squadra - Narra una sessione dove il gruppo si divide in almeno 5 entità separate.
User avatar
coranis
Eccelso4
Eccelso4
 
Posts: 3551
Joined: Tue Jun 14, 2005 11:29 am
Location: Gaiarine(Deep wyld), oppure una casupola nelle foreste di Halta. Le Vacanze a Chiaroscuro
Casta: Zenith

Postby mordred » Sun Feb 18, 2007 3:07 pm

Mi son fermato praticamente subito nel narrare le gesta del grupppo che intanto si è espanso

Presto vi raccontero' i salienti episodi dei Due gemelli della prima era, e dei loro compagni di circolo.. vi preannuncio che non ci son moltissime cose in più perchè ho puntato più di tutto sul far comprendere regole e soprattutto il concetto di stunt che ai miei Giocatori è praticamente ignoto...

Dopo un po' di tempo son riusciti nel combattimento fisico a stupirmi con belle stunt... anche se il più delle volte si interrompono per prendersi per il c... e quindi oltre a perdere l'epicità, perdono il filo

MA soprattutto non hanno chiaro come funzioni un combatt sociale... ma questo deve essere un loro limite mentale credo 0.o... dato che se un Png ti fa un discorso molto articolato per vedere come la pensi e poi cerca di scardinare le tue certezze è un attacco... allora se un Pg mi dice "avete sicuramente ragione!" senza ne' una descrizione ne niente.... non mi puo' dire "ah master... era un attacco sociale"



Tornando alla cronaca vi do un'antipasto:

A parte questo i ragazzi si son ritrovati a viaggiare parecchio per le terre dello sciacallo in corsa contro il tempo per scongiurare un coflitto imminente... o quantomeno per non alimentare le fila dei signori della morte

Spero di avervi un po' incuriosito almeno un po' e prometto di postare tutto a breve ^_^
"Pain inside is rising
I am the fallen one
A figure in an old game
No Jokers on my side
I plunged into misery
I'll turn off the light
And murder the dawn" --Blind Guardian--

"An illusion of pleasure
an illusion of pain
Yield to the beauty and
soon you will waltz with the dead" --Falconer--
User avatar
mordred
Umano3
Umano3
 
Posts: 66
Joined: Mon Aug 21, 2006 1:34 pm
Location: La Spezia

Postby mordred » Thu Feb 22, 2007 2:59 pm

Vediamo dove eravamo rimasti:

Jirgar (la notte) e Karl (l’alba) accompagnati dall’eclisse Themeus si avventurano fuori da Nexus per andare a comprendere qualcosa di più riguardante delle strane morti di fedeli di una divinità dell’ombra che è d’istanza a Nexus. Quest’entità, Xortan, sembra perdere parechcio potere man a mano che pasa il tempo perché i propri fedeli continuano ad assottigliarsi e a spuntare fuori morti nelle maniere più atroci… spesso torturati.
Xortan concede a Jirgar una preghiera incisa su un foglio nero scritto in rune violacee, e Jirgar la prende considerando che l’aiuto di una divinità puo’ far sempre comodo! Inoltre assieme al foglio viene lasciato anche un Pugnale nero come la notte e parecchio curioso come forma: la lama è larga quasi un palmo e un lato è dentellato mentre l’altro lato possiede una lama affilatissima

Fuori da Nexus incontrano i primi barbari e nomadi vicini a delle foreste e il combattimento contro di essi (con la comparsa di due sangue divino) l’ho già trattata prima.. ma da questo scontro Jirgar ne è uscito con parecchie ferite… poiché uno sciamano del villaggio intonando una fastidiosa nenia, ha distratto Jirgar che ha ricevuto un colpo portentoso dal suo nemico. In seguito Jirgar e Karl hanno avuto la meglio sui combattenti, e i sangue divino. Themeus avvicinandosi pacatamente come al solito allo sciamano ancora spossato per la sua opera gli ha posto una mano sopra la fronte per alzargli la testa lentamente e sorridendogli come a rassicurarlo, in un’istante gli ha spezzato l’osso del collo.

I tre ripartono, ma le ferite di Jirgar devono essere viste da qualcuno e così Themeus decide di tornare sui suoi passi per condurre i ragazzi da Lili.. ovviamente non da i dettagli di chi sia questa guaritrice, ma poco dopo il loro arrivo in questa piccola casa di pietra diroccata verificano che la guaritrice fabbro è un’eccelso solare del Crepuscolo e durante le cure che vengono portate a Jirgar, ella resta incuriosita dalla faccenda riguardante Xortan.. tanto che decide di partire assieme a loro e al suo famiglio (uno scoiattolo molto dispettoso)
I ragazzi non si accorgono di nulla durante la permanenza in casa di Lili, ma la donna e Themeus sembrano parlarsi con lo sguardo e con strani gesti in un codice segreto.. Lili sembra infatti sempre più ansiosa di partire e cerca di forzare itempi per la guarigione di Jirgar

Diventati 4 ormai, decidono di ripartire appena Jirgar sarà in grado di stare inpiedi n maniera composta e sarà in grado di difendersi.. durante il loro percorso Themeus e Lili restano sempre più indietro rispetto ai due giovani combattenti, Lili tiene il suo potentarco sempre sulle spalle e Themeus, con il suo abbigliamento elegante e le sue maniere.. sembra sempre un’acqua cheta.. Durante il loro cammino si imbattono in un gruppo di cavalieri che comanda diversi uomini.. appena vengono avvistati i 4, i cavallieri rassettano le fila dei fanti armati e comandano una carica…
sembrano essere li’ proprio per trovare loro… i vessilli sulle loro armature tradiscono di essere dei sangue di drago della casata Cathak.

Karl e Jirgar ricordano della villa di proprietà dei Cathak che avevano trovato fuori dalla città… ma doveva essere molto più a Nord, e quindi questo non era una vera e propria esercitazione… erano qui proprio per loro
Karl: “Credo che la prematura morte del loro pargolo non sia stata gradita”
Jirgar: “Era uno stupido.. non poteva affrontarci disarmato.. e poi aveva visto che avevamo preso il libro…”
Themeus pacatamente avanza tra i due poco prima dell’impatto con il manipolo dei cathak “Signori… vi prego di non distrarvi dall’imminente scontro.. per parlare troverete tempo dopo…”

La battaglia inizia con Jirgar che si impiega a trucidare i Fanti a terra facendo vorticare le sue tonfa lamate e mantenendo un profilo basso, senza utilizzare le sue già scarse risorse di essenza…
Karl invece sembra essere tornato ai vecchi tempi e con gli occhi inniettati di sangue inizia subito a cercare i nemici più impegnativi.. prima divide nettamente in due un cavallo con il suo cavaliere, quindi con un salto portentoso, atterra proprio alla base del collo di un altro cavallo… e quindi a pochi centimetri di distanza impiega in un combattimento ravvicinatissimo il cavaliere non riuscendo a ucciderlo prima che il cavallo, spezzandosi una zampa, cada al suolo e schiacci sotto il suo peso il già ferito cavaliere.
In seguito Karl aiuta a completare l’opera del fratello mulinando diversi colpi a velocità sempre superiori fino a quando il leone dorato non si infiamma nella luce del sole che sta calando e sembra avere degli screzi rossastri sul corpo… screzi simili al sangueche poco sotto viene versato… anche Jirgar ormai quasi stremato si lascia andare alla propria irruenza e il serpente cobra con scaglie viola emerge da dietro la sua figura per poi toreggiare imponente carezzando e aiutando il leone… lo stesso Jirgar sembra, nei riflessi della luminosità della sua anima iconica, aver mutato al pelle in alcune scaglie, che si vedono per qualche istante ad ogni movimento sinuoso dell’ecccelso

Lo scontro termina con una 40ina di cadaveri e il cavaliere restato sotto la propria cavalcatura che viene lasciato in vita per tornare alla sua casa come avviso per la propria famiglia… lo spettacolo al quale ha assistito impotente sia di agire che di scappare lo ha schokkato ma strisciando da sotto il cavallo inizia a allontanarsi senza più una cavalcatura… ma solo con parecchie ferite
Jirgar e Karl recuperano alcune cavalcatureancora vive, tutto grazie all’empatia con i cavalli di Jirgar appresa a Marukan nella sua infanzia, e riprendono il viaggio… prima di aver constatato che in tutto questo Themeus e Lili son scomparsi! Erano talmente impiegati dalla batttaglia che non si erano accorti che i due si erano volatilizzati…
Karl crede che li abbiano preceduti durante lo scontro e decide di restare sulla strada e di dirigersi verso le rive del fiume grigio

Morale della sessione: i ragazzi hanno familiarizzato con il concetto di stunt e Karl ha ottenuto una stunt massima riuscendo a convogliare la propria motivazione in una splendida descrizione del proprio combattimento, mentre Jirgar seppur ferito si è fatto valere contro parecchi avversari.. Inspiegabile il fatto che abbiano lasciato in vita un sangue di drago che li voleva uccidere fino a poco prima, ma la sborronaggine si puo’ capire :P
"Pain inside is rising
I am the fallen one
A figure in an old game
No Jokers on my side
I plunged into misery
I'll turn off the light
And murder the dawn" --Blind Guardian--

"An illusion of pleasure
an illusion of pain
Yield to the beauty and
soon you will waltz with the dead" --Falconer--
User avatar
mordred
Umano3
Umano3
 
Posts: 66
Joined: Mon Aug 21, 2006 1:34 pm
Location: La Spezia

Postby Ashavir » Tue Feb 27, 2007 8:11 pm

Inspiegabile il fatto che abbiano lasciato in vita un sangue di drago che li voleva uccidere fino a poco prima, ma la sborronaggine si puo’ capire :P


Gli hai mai accennato della Caccia Selvaggia?? Forse ci avrebberofatto un pensierino in più... :badgrin: Ma se sono nelle terre degli Sciacalli hanno comunque un certo limite di sicurezza...

Però chissà, è pur sempre un gesto d'onore, magari ha colpito il DB... :)
Uccidermi non ti servirà a niente...questa ovviamente non è una scusa per farlo...

Image
Which character are you test by Naruto - Kun.com
User avatar
Ashavir
Eroe
Eroe
 
Posts: 284
Joined: Sat Aug 12, 2006 4:34 pm
Location: (-_-)°...BoH!!

Postby mordred » Fri Mar 02, 2007 6:29 pm

Dopo il mega-combattimento pirotecnico con tanto di anime iconiche tenute attive per parecchi tick, e dopo essere stati abbandonati da Themeus e Lili, i ragazzi ripartono e si dirigono verso la sponda del fiume grigio dove devono trovare una divinità delle acque che pare comportarsi in maniera alquanto bizzarra.. ora avendo con loro i cavalli dei sangue di drago appena trucidati, si avviano velocemente dall'altro lato di Nexus e si fermano solo quando ormai la notte è calata e una nebbia fitta preannuncia che son nelle vicinanze del fiume

I due decidono di fare i turni di guardia e durante la notte oltre ai soliti rumori delle acque sentono strani rumori provenire da poco lontano... come le mascelle di un animale che stanno mangiando qualcosa..
Decidono di andare a controllare e nella nebbia riescono a ritrovare una carcassa completamente squoiata di un mulo o quello che sembrava essere un mulo... non ci sono altre tracce fino a quando, tornati indietro alle tende vedono come delle impronte fatte da dei trampoli in terra che entrano in una delle tende

Karl entra con la spada sguainata nella tenda per rimanere alquanto sorpreso nel rinvenire impiantato nel suo giaciglio di paglia uno spadone in oricalco.. Anche Jirgar trova un "regalino" un chackram legato alla sella del cavallo. Ovviamente convinti che nessuno faccia regali in queste terre, prendono gli oggetti ma mentre Karl è eccitato dall'avere una tale arma tra le mani, Jirgar è restio ad utilizzare tali oggetti.. ma il meglio sarebbe arrivato di li a poco... ormai non riuscendo più a dormire i due attendono lo spuntare del sole e si dirigono verso la vicina sponda del fiume dove pero' osservano qualcosa di insolito..

La riva è stata come lavorata per creare una diga profonda una trentina di metri e divisa in due metà: una piena di colonne e l'altra vuota ma che presenta all'interno un palo di pietra liscia.. le due estremità sono perfettamente collegate dall'arcata di quello che sembra essere un ponte... man a mano che si avvicinano a questa costruzione colossale vedono emergere dalla pietra proprio sul ponte un individuo che appare essere un monaco molto stravagante, dal viso curato con baffi e barba pronunciati e a punta e una camiciona molto larga e pomposa!

Egli indica Karl e gli fa intendere di porsi sul margine della metà dove si trova il palo di pietra, quind iindica Jirgar e gli dice di saltare su una delle colonne dell'altra metà.
Il monaco si presenta loro come Eprom:

"considero un immenso piacere incontrarvi oh gemelli del sole! E vi prego di insegnarmi qualcosa di quello che mi concerne prima che sia io a insegnare a voi qualcosa.. " il suo tono dapprima dolce diventa una minaccia più che velata e le parole sibilline si fermano appena in tempo per veder crollare il ponte che permetteva di far restare unite le due metà di questa arena improvvisata in mezzo al fiume.

La parete sul cui margine vi si trovava Karl frana e degli cade all'interno dell'arena dall'altra parte rispetto al fratello, e dalla frana emergono come delle statue che hanno preso vita... alquanto insolite invero, il volto sembra essere liscio e anonimo come fatto di argilla e le sembianze sono umane solo in alcuni dettagli (un braccio... una gamba... una mano...) per tutto il resto le proporzioni son sbagliate e rendono questi 40 esseri molto pesanti e prevedibili

Dal lato di Jirgar daltronde le cose non vanno meglio... la colonna su cui aveva appena posto i piedi inizia a tremare nella sua discesa verso il terreno e immediatamente appena finito di parlare Eprom saltà in cielo per calare come una colonna di pietra sul suo avversario... Jirgar viene sbattuto a terra e riesce ad appendersi al bordo della colonna per evitare di cadere di sotto... Eprom lo osserva, un leggero sorrisetto

"A quanto pare sarà tutta mia la premura di insegnare a voi!" e detto questo si lancia con veloci salti da una colonna a ll'altra fino ad arrivare al terreno. Jirgar ancora un po 'stordito si rialza e riesce a scendere quando ormai le colonne son a livello di una decina di metri... e in quel momento Eprom cerca di colpirlo facendo franare uan colonna addosso a lui, egl ila schiva e vede la colonna colpirne altre due e spezzarsi come le altre per poi finire in mille frantumi... e tra questi si possono osservare 3 figure umanoidi distese e senza vita apparentemente.. sono uscite dalle colonne

Dall'altro lato Karl pensa che per avere la meglio su quesi mostri potrà solo usare l'astuzia e cerca di bucare la roccia con il daiklave per innondare la zona e garantirgli un vantaggio... non vi riesce ma infondo è meglio per lui... mentre ingaggia alcuni di questi esseri di pietra vede Eprom che fuoriuscito dalla arena dove vi è Jirgar emerge dalal roccia sulal cima del precipizio per guardare Karl e indicargli che la parete sta lentamente franando... dopo di che se ne va abbandonando i due ai loro problemi

Karl durante la battaglia con i mostri si era reso conto che questi no nerano degli elementali o dei gargoyle… ma esseri umani che erano stati imprigionati nella pietra e probabilmente le loro menti erano state annebbiate da essa… rendendoli molto più resistenti, anche ai poderosi colpi del suo daiklave di oricalco, ma totalmente incapaci di intendere e volere… continua a vibrare i suoi colpi verso alcuni di questi e ad ogni colpo riesce a rompere parte della pietra… ada alcuni libera un braccio mostrando la carne ancora viva presente sotto… ad altri libera la parte del busto… e nella foga della battaglia alcuni particolari gli attirano l’attenzione… tanto che dopo pochi secondo avendone già scaraventati parecchi per aria… riconosce le sottovesti (anch’esse prima oscurate dalla pietra) come quelle degli uomini di Lookshy.. anzi meglio… come quelle della squadra dei “Cani di Lookshy”… solo un momento di esitazione e di commozione, quando immediatamente vibra un colpo poderoso al terreno per impiantarvi la lama e a voce altissima inizia a chiamare i suoi uomini

“Cani di Lookshy! Non potete esservi dimenticati di me! Cosa vi hanno fatto quei bastardi!?.. Non importa pèerchè ora che siamo di nuovo insieme e che voi avete nuovamente il vostro comandante… vi aiutero’ trovare vendetta una volta che avro’ ritrovato anche i vostri compagni”

Le parole di Karl vengono sottolineate dal simbolo della casta dell’alba sulla sua fronte, e il carisma del comandante basta a far rinsavire i soldati che iniziano ad aiutarsi gli uni con gli altri per levarsi la pietra di dosso… ma le pareti di quella conca stanno per crollare irrimediabilmente e devono trovare un modo per uscirne o sarà stato tutto inutile.. dall’altro lato Jirgar è riuscito a disotterrare i corpi dalle macerie delle colonne crollate e osserva che in ogni colonna c’era un individuo, per un totale di 15 elementi, anche essi Cani di Lookshy e fedeli al comandante Karl

Jirgar accortosi della frana che li spazzerà via di li’ a breve si mette subito a capo dei suoi 15 e fa spostare diverse macerie per riuscire a creare unasorta di scala naturale per raggiungere la cima, la fortuna gli sorride dato che le colonne crollando sembrano aver prorpio creato un percorso che consentirà con qualche sforzo e altre macerie, di risalire
Karl invece decide di far affidamento sulla prestanza fisica dei Cani di Lookshy a lui ben nota.. e fa arrampicare una ad uno tutti i suoi su per il palo di pietra per poi farli saltare verso la cima dell’arena una volta arrivati alla giusta altezza… lui decide di uscirne come ultimo, ma proprio durante la sua risalita la diga si sfonda irrimediabilmente e Karl viene Travolto dalle acque torbide e sporche nonché adirate per essere state fermate per così tanto tempo….

Jirgar accorgendosi che Karl non ne sarebbe uscito, non perde un attimo e, fattosi legare dagli uomini che erano già al sicuro, si lancia verso Karl inabissandosi con lui nell’acqua torbida, quindi i Cani di Lookshy riportano i due sulla terra ferma e esultano al ritrovamento del comandante e di colui che Karl presenta come suo Fratello

Gli uomini, interrogati cui i loro ricordi riguardanti ciò che gli è stato fatto, ricordano solamente la battaglia nel villaggio poco lontano da Spine… alcuni ricordano i morti viventi che li assaltavono, altri avevano visto delle creature mostruose e animalesche in armatura… ma molti continuavano a descrivergli quello che era sicuramente l’artefice di tutto: un umano dai capelli lisci, neri e lunghissimi in un’armatura nera e grigio fumo, su una cavalcatura anch’essa corazzata. Il cavaliere appariva disarmato ma, immobile nel putiferio totale fissava i “Cani di Lookshy” e soprattutto Karl intensamente con una smorfia divertita, gli occhi verdi e brillanti sembravano magnetici e antichi!

Dopo quegli eventi, che Karl ricordava poco anch’egli ma che gli rinvenivano alle parole dei suoi uomini, rivide nitidamente nella sua mente l’immagine di quel cavaliere che lo fissava.. ma stranamente nel suo ricordo non c’erano ne i suoi uomini, ne’ i mostri descritti… erano solo loro due uno di fronte all’altro ma impossibilitati a raggiungersi da una nebbia che li ricopriva fino alla vita!

Riemergendo dal sogno ad occhi aperti, chiede ai suoi della divinità delle acque di quella zona.. e uno dei soldati gli parla si un tempio che è posto per metà fluttuante sull’acqua. Karl si rende conto che devono raggiungere il tempio al più presto per ripulirsi e trovare cibo o possibilmente un riparo per la notte e quind ipartono verso il tempio di Siriu, dio delle acque!

Alla prossima per la prossima sessione

Gli hai mai accennato della Caccia Selvaggia??

Son piuttosoto spericolati... e la caccia selvaggia non gli spaventa.... anche se son essenza 3 e son eccelsi da pochissimo

Sul fatto che abbia colpito i DB.... beh la spada l'ha colpito più volte e infatti il DB è morto durante il viaggio di ritorno a casa
"Pain inside is rising
I am the fallen one
A figure in an old game
No Jokers on my side
I plunged into misery
I'll turn off the light
And murder the dawn" --Blind Guardian--

"An illusion of pleasure
an illusion of pain
Yield to the beauty and
soon you will waltz with the dead" --Falconer--
User avatar
mordred
Umano3
Umano3
 
Posts: 66
Joined: Mon Aug 21, 2006 1:34 pm
Location: La Spezia

Previous

Return to Voglia di Avventure!

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 1 guest

cron