-> Un Click Al Giorno toglie il Banner di Torno <-

Sherazad

Lo spazio dove inserire le vostre gesta!

Moderator: Staff

Sherazad

Postby Marask » Fri Sep 21, 2007 11:55 am

Alla fine abbiamo optato per la campagna Arabian Nights, così, mi sono messo al pc e ho buttato giù quella che sarà la città principale della Campagna.A breve,quando li faremo, i personaggi

Sherazad

La "Figlia della Luna" sorge a Sud nei pressi di un'enorme oasi in pieno deserto. Inizialmente una piccola comunità di nomadi che si erano stabiliti vicino l'acqua, Sherazad è cresciuta fino a diventare una città di grandi dimensioni attorno a quella che ,a confronto delle vie, delle case tipiche con i tetti a spumini e dei grandi bazar, è solo una piccola polla d'acqua che apparentemente non riuscirebbe a dare il fabbisogno giornaliero d’acqua nemmeno a metà della popolazione. Tuttavia, non solo l'audacia degli uomini ha permesso a Sherazad di nascere e di crescere ma anche l'intervento divino.
Quando il piccolo accampamento iniziò a trasformarsi in una città,durante l'era dello Shogunato,si dice che un nomade i nome Arsalan giunse all'oasi per rinfrescarsi. Vista la situazione decise di insediarsi con gli ex nomadi e di aiutarli a costruire la città. Il nomade,all'apparenza un giovane di non più di 20 anni, era in realtà un Sangue Divino, nato dall'unione tra una donna,Farideh, di Chiaroscuro e un Efreeti, che si era imposto di girare il Sud per trovare un luogo dove vivere in pace. E ora l'aveva trovato.
Grazie alle sue conoscenze fece crescere la città nel benessere e nella prosperità,la sua Essenza risvegliata gli permise di usare la stregoneria per far si che ci fosse sempre acqua per i suoi cittadini,nonostante le dimensioni di Sherazad crescessero a vista d'occhio,nondimeno si preoccupò di chiedere l'aiuto dei suoi fratelli Efreeti affinché gli consigliassero nelle decisioni importanti.
Nell'arco di pochi mesi Sherazad,da piccolo accampamento che era,divenne una città importante per il Sud e Arsalan,da giovane nomade che si era fermato ad abbeverarsi all'oasi, fu naturalmente il sovrano.
Il Regno osservò interessato la nascita e la crescita della città,nonostante l'intolleranza verso la natura divina,ormai palese, di Arsalan,decise di limitarsi a imporre i propri tributi,che Arsalan ha sempre pagato con rispetto e gentilezza.
Oggigiorno Sherazad è un tributario del Regno, Arsalan è ancora sul trono con i quattro Efreeti da lui evocati che lo consigliano e istruiscono i suoi due figli, Khandan,una bellissima ragazza nel fiore degli anni e Yashar il diretto successore di Arsalan,nonostante sia appena un ragazzo. A discapito della natura divina di Arsalan i due figli sembrano non mostrare nessuna peculiarità sovrannaturale né tantomeno l'interesse a risvegliare la propria Essenza.
Sherazad commercia con le grandi città del Sud quali Chiaroscuro e Gemma e tra le tre si è istaurato un certo legame commerciale di notevole interesse. Il Vetro Magico di Chiaroscuro,segreto della città, viene acquistato grazie ad accordi particolari istaurati tra Arsalan e il Tri-Kan.Le voci dicono che Arsalan utilizzi i suoi espedienti magici ma questo non è mai stato appurato, e comunque,il segreto di tale materiale non è mai stato divulgato. Anche Gemma rappresenta una città di scambio importante,soprattutto per i segreti della polvere di fuoco.
Di rado Sherazad utilizza armi che utilizzano questo prodotto ma si dice che venga utilizzata per altri scopi,più su larga scala che semplici pezzi da fiamma.
L'esercito della città consta di diverse centinaia di soldati addestrati all'uso della spada e dell'arco; gli alti ufficiali indossano leggere corazze trattate con il vetro di chiaroscuro e armi di fattura superiore,se non addirittura eccezionale. L'addestramento delle truppe è un compito riservato a Adel,uno dei quattro Efreeti di Arsalan.
La città si presenta come una caotica metropoli, gli alti tetti a spumini sovrastano le intricate vie e il Bazar della Luna Nuova, che comprende quasi interamente tutta la città, è perennemente aperto e vende qualsiasi tipo di oggetto. Bande di tagliagole pronte ad uccidere per denaro vivono nascoste nelle vie più oscure della città, mentre il palazzo reale che sorge vicino l'acqua è protetto da guardie, animali addestrati e dalla magia.
Una particolarità di Sherazad è la presenza di tappeti volanti, tappeti costruiti con una fibra che reagisce alla presenza di un essere che ha ingerito la droga conosciuta con il nome di Kamal e che permette ad un essere umano di far volare tali oggetti. Un tappeto volante costa risorse 4, mentre la droga è abbastanza facile da trovare e la si può comprare a Risorse 2 in una qualsiasi bancarella del Bazar


Arsalan
Image
Il Sovrano di Sherazad. Arsalan è un sangue Divino, nato dall’unione tra una divinità del fuoco e da una donna di Chiaroscuro.
Arsalan appare come un giovane dai capelli neri, lunghi, legati in diversi modi e tenuti fermi da gioielli preziosi quanto vistosi. Veste di morbidi stoffe color del fuoco e non si separa mai dalla sua spada “Zanna del Drago-Leone”,di cui niente si sa ma molto si dice. Arsalan è privo di barba, ha le orecchie leggermente appuntite e le unghie delle mani lunghe, che sembrano artigli scintillanti. A prima vista sembrerebbe una donna.
La sua età è sconosciuta a tutti ma non è un segreto la sua natura divina,così raramente la gente si fa domande sul suo conto.
Arsalan è un sovrano che tiene alla sua città forse anche più di quanto tenga al suo popolo. Si ritiene colui che ha innalzato il piccolo accampamento allo splendore odierno e farebbe qualsiasi cosa per mantenere in piedi il suo dominio. E questo è una cosa che tutti sanno.
Arsalan è un essere di buon cuore disposto ad aiutare chiunque abbia bisogno, nonostante abbia una vena vanitosa piuttosto evidente e spesso si burla di chi ha meno di lui. Alla sua corte ci sono sempre quattro Efreeti da lui stesso evocati e spesso e volentieri anche la dea della città da cui Arsalan ha avuto due bambini.
A volte Arsalan gira per la città in forma di un enorme Leone, ad indicare la sua sovranità sulla città.Quando lo fa,ha sempre un’ampia scorta che lo segue da vicino pronta ad entrare in azione in caso di bisogno

Sherazad
Image
La dea della città che porta il suo stesso nome.Sherazad,la Figlia della Luna è una divinità femminile generatasi con la nascita della città stessa. All’apparenza è una donna bellissima dai lunghi capelli corvini e gli occhi d’argento,vestita in maniera tale da accendere il desiderio in chiunque la guardi. Sherazad è sempre ospite al palazzo di Arsalan suo amante e suo sposo e raramente si fa vedere in città,anche se a volte, nelle parate ufficiali,siede in groppa al consorte per salutare il suo beneamato dominio. Sherazad tiene molto alla gente della sua città,più del suo stesso re, e si mostra sempre benevola nei confronti di chi ha veramente bisogno.

Khandan
Image
Il più bel fiore di Sherazad, Khandan la figlia primogenita del re e della dea della città.
Khandan ha 21 anni,lunghi capelli neri ereditati dal padre così come profondi occhi scuri.Ha un carattere mite e dolce e passa le sue giornate a scrivere, a cantare e suonare nonché a fantasticare sulle leggende che imperversano la sua terra.Il padre vorrebbe che apprendesse il modo di utilizzare l’Essenza, essendo lei figlia di esseri magici non dovrebbe avere problemi, ma,nonostante tutte le attenzioni e le discussioni, Khandan non sembra propensa per una cosa del genere. Forse sente troppo il peso delle responsabilità che avrebbe se potesse usare le magie del padre,tuttavia, essendo nata dall’unione tra due esseri magici,prima o poi comprenderà come utilizzare le sue doti?

Yashar
Image
Un giovane scapestrato di 14 anni,Yashar assomiglia molto al padre sebbene abbia l’aspetto meno effeminato. Fin da piccolo è stato educato alla guerra e al regnare, cose che adora nonostante non sia molto frenetico di aspettare la successione al trono, preferirebbe viaggiare e vedere il Creato.
Come la sorella,anche Yashar non ha voglia di apprendere le arti della manipolazione dell’Essenza, che ritiene solo un inutile spreco di tempo,tuttavia la sua sembra più una posizione presa senza ragionare piuttosto che una sua vera convinzione e,come la sorella, sicuramente se non ora, in futuro apprenderà l’arte della manipolazione dell’Essenza, più per retaggio che per interesse.
Yashar adora battersi con la spada e passa le sue giornate ad allenarsi o ad ascoltare sua sorella cantare,sebbene la schernisca sempre. Di carattere impulsivo e spavaldo, Yashar è convinto di essere destinato a diventare un sovrano migliore di suo padre…magari in un’altra terra.

Rajhid
Image
Rajhid,la Tigre del Sud, è il comandante dell’esercito di Sherazad.Figlio di due ricchi mercanti è stato avviato alla via del soldato fin da piccolo ed ora,all’età di 24 anni, è il comandante assoluto dell’intera forza militare.Rajhid non è del tutto umano,nel suo corpo scorre il sangue di un Paria Stirpe di Drago cosa che ha causato a Rajhid l’esaltazione come Sangue di Drago. Il giovane ha sfruttato questa sua nuova condizione per adempiere al meglio al suo lavoro.Lo si vede girare in città indossando una leggera corazza e delle pelli di tigre, da cui deriva il suo soprannome.Con se porta sempre una spada da taglio di fattura eccezionale che si è costruito da solo.Rajhid è un abile guerriero ma anche un uomo di buon cuore che non teme ad usare i suoi poteri per aiutare chi ne ha bisogno; tuttavia, la sua totale devozione va ad Arsalan e a Sherazad e farà qualsiasi cosa per prevenire la caduta di uno dei due.


Adel
Image
Adel è il maestro dei guerrieri e delle battaglie. Svolge il ruolo di stratega militare e di addestratore l’esercito regolare della città,le sue specialità riguardano la scherma e le arti marziali nonché le tattiche di guerriglia.
Quando non compie i suoi doveri, Adel se ne sta in una delle terrazze del palazzo di Arsalan a fumare Kamal e ad ascoltare il canto della Principessa Khandan.
Adel utilizza i suoi Prodigi per apparire come un giovane di bell’aspetto dia capelli rosso fuoco e la barba di ugual colore,ricoperto di orecchini e piercing.


Atash
Image
Atash appare come una donna fiammeggiante e ama volteggiare nelle ampie sale del palazzo contemplando l’arte in ogni sua forma. Alla corte ama raccontare storie al re e alla sua consorte,storie di ogni genere sentite un po’ di là e un po’ di qua. A volte, quando il re lo permette, Atash fa visita ai popolani,sotto forma di una di loro ,per raccontare le meraviglie delle corti degli spiriti e del palazzo reale

Shankam
Image
La guardia personale di Arsalan. Shankam ha l’aspetto di una creatura di fiamme,spaventosa e autoritaria.I suoi pugni sono rocce ardenti che distruggono l’acciaio e il suo sospiro e pura colata lavica. A differenza degli altri tre, Shankam ha appreso come creare le fiamme piuttosto che comandarle e basta,forse grazie ad un potente artefatto che porta sempre con se, dono del re Arsalan. Shankam è impulsivo e feroce, ma ascolta sempre ciò che il suo signore gli ordina.

Mahsheed
Image
Masheed è la più giovane dei quattro ed ha il compito di istruire di due figli di Arsalan. All’apparenza una ragazza giovane non più di Khandam e di bell’aspetto vestita con abiti succinti e dallo sguardo provocante, Masheed conosce mille e più astuzie di corte e strategie che un buon regnante deve sapere. Inoltre è esperta nell’uso della spada e dell’arco e tra i quattro, è l’unica che ha appreso qualche rudimento di stregoneria.

Mi riservo di Editare con nuovi PNG quando questi verranno fuori :P
I miei Achievements generali:
-Le ragazze morte non possono dire no: Seduci un abissale
-Chtulu ftaghn: Evoca e lega ogni tipo di demone del primo, secondo e terzo cerchio
-Tu attacchi QUANTE volte???: Usa una combo per attaccare più di 30 volte in due azioni. Attacchi moltiplicati di arco non contano.
User avatar
Marask
Incarna1
Incarna1
 
Posts: 6332
Joined: Fri Mar 05, 2004 10:07 pm
Location: S.Lucia(PT)
Eccelso: Abissale
Casta: Midnight

Postby coranis » Fri Sep 21, 2007 11:32 pm

E i pg? A nessuno interessa il frutto delle tue fatiche da master, vogliamo i giocatori marask!!!


Ohi, scherzo eh! Io l'ho letto in anteprima metà di questo prologo, mi piaceva prima, mi piace di più ora!!!!
I miei Achievements da Narratore:

(ST) Harlgblgrlb: Narra una sessione ubriaco.
(ST) L'incubo di tutti: Crea un nemico abbastanza orrorifico da spaventare i tuoi giocatori, i tuoi personaggi, o entrambi.
(ST) Ooops - Uccidi con un colpo un PG usando un incontro che pensavi fosse bilanciato.
(ST) Dividiamoci, Squadra - Narra una sessione dove il gruppo si divide in almeno 5 entità separate.
User avatar
coranis
Eccelso4
Eccelso4
 
Posts: 3551
Joined: Tue Jun 14, 2005 11:29 am
Location: Gaiarine(Deep wyld), oppure una casupola nelle foreste di Halta. Le Vacanze a Chiaroscuro
Casta: Zenith

Postby Marask » Sat Sep 22, 2007 1:15 pm

coranis wrote:E i pg? A nessuno interessa il frutto delle tue fatiche da master, vogliamo i giocatori marask!!!


Ohi, scherzo eh! Io l'ho letto in anteprima metà di questo prologo, mi piaceva prima, mi piace di più ora!!!!

i pg li dobbiamo finire di fare. Due osno pronti,l'altro non ancora del tutto,per ora sappiate solo che saranno 3, due Notte e un Crepuscolo e saranno un assassino che vuole riscattare il suo nome, un affabile ladro con los tiel del giocatore d'azzardo(made in marask) che vuole rubare il tesoro reale di Sherazad e una zingara

tutti i dettagli dopo questa simpatica storia

Il Vittorioso
La luce del Sole imperversò sull'enorme distesa desertica del Sud ed Egli prese forma,a immagine e somiglianza del Sole Invitto e venne chiamato il Vittorioso,Furiouz,colui che vince tutti gli avversari.
A sua immagine e somiglianza quattro braccia si estendevano dal suo corpo e le mani,quattro anch'esse, impugnavano la forza della battaglia scissa in quattro spade.Ogni spada er apotente, tutte e quattro erano la vittoria.
E le sue lame caddero sui nemici del Sole Invitto e ognuno che cadeva era forza per l'Essenza del Vittorioso.

Poi ci fu l'Usurpazione, e con essa la sua sconfitta.Poco si sa dei fatti di quell'epoca, ma certo è che il nome del Vittorioso venne cancellato e la sua potenza affievolitasi, si tramutò in una statua di adamante,materiale delle sue lame, e venne dimenticata.

Narra la leggenda che un valoroso guerriero,ricevuta la Benedizione dell'Invitto,nel tentativo di fuggire dal suo luogo di prigionia,scoprì che esso era un vecchio luogo,Antico e potente su cui un intero palazzo era stato costruito.E seguendo i corridoi e le vie giunse,non seppe nemmeno lui come, al cospetto della statua del Vittorioso e la sua Essenza calda lo risvegliò.

Al suo risvegliò il Vittorioso giurò fedeltà a chi lo aveva salvato,subito dopo si infuriò poichè due delle sue spade erano andate perdute.L'Eccelso giurò di riportagliele e il Vittorioso stipulò un patto con l'Eccelso, gli donò le sue spade affinchè fosse lui la manifestazione del Vittorioso.

Le due spade, Misericordia e Destino furono impugnate dall'Eccelso Solare.
La terza spada è persa e nessuno sa dove sia,mentre la quarta è conosciuta da tutti coma la Spada del Drago-Leone



alla prossima^^
I miei Achievements generali:
-Le ragazze morte non possono dire no: Seduci un abissale
-Chtulu ftaghn: Evoca e lega ogni tipo di demone del primo, secondo e terzo cerchio
-Tu attacchi QUANTE volte???: Usa una combo per attaccare più di 30 volte in due azioni. Attacchi moltiplicati di arco non contano.
User avatar
Marask
Incarna1
Incarna1
 
Posts: 6332
Joined: Fri Mar 05, 2004 10:07 pm
Location: S.Lucia(PT)
Eccelso: Abissale
Casta: Midnight

Postby Marask » Sun Sep 23, 2007 7:19 pm

Partiamo con i PG

-Sorriso di Seta(Maeglin se vuoi post ail bg sul forum io non ne ho voglia).
Image
Trattasi di una vagabonda, di una pezzente, di una zingara il cui sagnue è segnato d auna bastarda unione tra una donna e un membro del popolo fatato.Trattasi però pure di una prescelta del Sole Invitto,della casta del Crepuscolo per l'esattezza, la cui vita è ormai basta sul peregrinare alla ricerca del suo amore perduto.Il suo volto non ricorda, nè il tocco delle sue mani sono più nel suo rimembrare ma sa che egli esiste e lo troverà a qualsiasi costo

Khalid
Image
Sherazad è popolata da bande di banditi e tagliagole.Khalid è uno di questi.Un tipo abile nel gioco delle carte,quanto letale come assassino.Alcuni dicono sia pazzo e sovente parli con se stesso, in realtà due spiriti guida fanno a lui da consigliere.E 12 guerrieri,identici tra loro, lo seguono fedelmente in ogni sua impresa. SI dice che abbia messo gli occhi sul tesoro personale di Arsalan.....

Alesteir
Image
Si dice che Sherazad si apopolata da grandi guerrieri.Lui è uno di questi. La leggenda vuole che fu primogenito in un ramo cadetto della casata Sesus ma,per favorire suo fratello, fu gettata onta sul suo nome.Il pozzo avvelenato nell'oasi presentava tracce troppo evidenti per lasciarlo andare via e così,da innocente fu imprigionato.Ma le trame dell'Invitto Sole sono molteplici e così il guerrierò riuscì a fuggire diventando un letale Notte(qualsiasi riferimento a Prince of Persia che scappa dalle prigioni è puramente casuale).Il resto è una leggenda narrata di un guerriero Solare e di colui che si conosce con il nome di Il Vittorioso

(edito man mano che si va avanti e oi aggiungo altre immagini relative ai vari contatti e seguaci dei pg)
Last edited by Marask on Mon Sep 24, 2007 10:38 am, edited 1 time in total.
I miei Achievements generali:
-Le ragazze morte non possono dire no: Seduci un abissale
-Chtulu ftaghn: Evoca e lega ogni tipo di demone del primo, secondo e terzo cerchio
-Tu attacchi QUANTE volte???: Usa una combo per attaccare più di 30 volte in due azioni. Attacchi moltiplicati di arco non contano.
User avatar
Marask
Incarna1
Incarna1
 
Posts: 6332
Joined: Fri Mar 05, 2004 10:07 pm
Location: S.Lucia(PT)
Eccelso: Abissale
Casta: Midnight

Postby Maeglin » Sun Sep 23, 2007 7:40 pm

Riporto uno scritto autobiografico del pg, preceduto da un documento trafugato negli uffici celesti di Yu-Shan

Sorriso di Seta
Sangue fatato Solare Crepuscolo (su Exalted 2ed.)

Code: Select all
Le fate è gente maligna. Avvenne ordunque – e ciò fu nell’anno dello impero 741 – che una d’esse seducesse una donna onesta e pia, con ella giacque e resela pregna. Quando la bimba nacque, i segni avea del viso che niun popolo à, e presto si seppe che era figlia di spirito cattivo e niuno la voleva nel villaggio ché i meticci delle fate sono spie di quelle e hanno il cuore colmo di malizia. Li anziani decretaro che la bimba morisse, poiché se fosse cresciuta, male avrebbe fatto se non a quello villaggio ad altro. La madre molto pianse, ma entro a se sapea che essa era cosa corretta, così dette sua figlia ad un bravo uomo con grande cuore, sperando che esso non l’arebbe uccisa ma salvata in uno qualche modo.
E visto avea bene! L’uomo partì secondo gli ammaestramenti de li anziani per abbandonare la fantolina in fra le sabbie e le dune dello ‘nfocato deserto, ma mosso a compassione decise che ella non morisse, sebbene dovesse vivere in condizione sociale che non le permettesse di far danno e che non le montasse la testa, sì fu venduta come schiava ad una carovana.
In alcuno mercato si trovò chi volesse acquistare la bimba, perché tutti vogliano schiavi forti e operosi, i bambini devono esser nutriti molto prima di far nutrimento. Ma avvenne che de’predoni assalissero la carovana in una gola e fecero bottino di merci e di schiavi e prendessero la bimba con sé e menaron a loro villaggio e allevarono come una di essi.
Codesti predoni erano de la tribù nomata Mangun, che molto sanno trattare con gli spiriti e conoscono di taumaturgia. La bimba crebbe e imparò li costumi di quei barbari, e genitori di dozione la chiamarono Sorriso di Seta, poiché allegrezza e giovialità sempre sono sul volto di ella anco appresso a tristitudini. Nell’anno dell’impero 755, avvenne che un mago risiedesse trai Mangun, un savio e molto anziano uomo di nome Kaitai Yuk conoscidore de’segreti del Cielo, costui vide la giovine e innamorossi e disse a sé “voglio io farle da magistro, sì che possa avvicinarla e dischiudere il core suo”. Tanto disse e tanto fece lo vecchio eletto che prese la bimba a genitori e la menò tra gli spirti, là avea suo palazzo con servidori e ricchezze d’ogne bellezza per l’occhi mortali, quivi la sedusse e colse lo fiore che ogni donna uno ne possiede; molte notti e molti die giacquero li due assieme, sì che Sorriso di Seta pure cadde innamorata de suo magistro, e quando i genitori sua nol sapeano, lei chiamava uno spirito che la menasse nella magione dello mago. Kaitai le mostrò d’Essenza e de prodigi che li spiriti compiono co essa, le narrò di suo mestiere e di destino e di come si puote veder lo futuro nelle mani e nelle stelle; ebbene avea egli perso di senno, e più ogni anno di seguito, sì che la follia sua culminò quando portò la donna in gran segreto a vedere le meraviglie della Città Celeste.
Li dei s’avvidero dello periculo, un mortale non puote stare in Cielo e peggio è per una spia de le fate, sì fecero gran clamore e questionarono a li divini figli delle stelle che molti dimorano in quella cittade. Lo fato mostrò a questi de la natura di Sorriso di Seta e delli sconsiderati atti di Kaitai, il sifu di lui, Teilkan Kojigai, andò a parlargli onde riportare il senno in suo loco, ma nulla ottenne ché lo mago non volea vedere il vero. Sì fu che Teilkan andò a ricuperar una antica prieta magica e di nascosto la mise nel letto della ragazza – era l’anno dell’impero 761 – e quando essa fu dormita, li sogni suoi appariro nella tenda e muoveansi come veri, ché esso era lo podere di Wyld che in ella fu sveglio.
Quando Kaitai vide ciò, pentissi molto de sua avventatezza e riacquistò lo senno che le male insidie delle fate aveano scacciato, allorché scomparì dalla rialtà e mai fu esistito e nessuno tra Mangun ricorda di lui e nemmeno la donna. Ne mesi di poi nessun fatto di nota seguì, ché tutto era andato bene: lo caso dichiarossi chiuso e Kaitai assoluto.

Il relatore
Teilkan Kojigai, Eletto della Vergine de’Viaggi, Convenzione del Sud

Code: Select all
Non ricordo molto del mio passato, so che ci fu un tempo felice in cui vissi con la mia anima gemella, egli mi portò in luoghi lontani e mi lasciò strani doni, non ricordo niente di cosa fossero, né se lui fu uomo oppure dio, e invece bene ho chiari i giorni della mia infanzia cresciuta con i ragazzi del villaggio, gli insegnamenti degli anziani e l’affetto di mamma e papà. Nessuno ricorda di quell’essere che mi amò e che io tanto amai, che fosse stato un sogno? Impossibile! Ancora in me sento forte la brama che ho di lui, sono certa dell’importanza che ha e ha avuto per me… può una donna nascere priva della verginità? Come si spiega che io conosca i segni di scrittura dei popoli circostanti quando nessuno li usa tra i Mangun?
Doveva essere un nobile principe il mio amore, forse il signore di un regno lontano e fu costretto a tornare dalla sua gente… forse un dio mi accolse tra le sue braccia e fu rinchiuso in una prigione di cristallo sepolta tra le sabbie… avemmo figli? Sento nel mio cuore che egli è ancora, egli mi attende… che sia morto e mi attende sotto nuova forma?
Cinque anni or sono, mentre ero fuori dal villaggio e riflettevo su colui che troverò, mi capitò di intristirmi e le lacrime sgorgarono dai miei occhi perché pensai che forse non era mai esistito l’uomo che amo ed amai… In quel momento sentii un caldo abbraccio pieno di amore, e subito il sorriso tornò sul mio volto, una luce veniva da me a cancellare tutte le ombre sulla sabbia e così anche tutte le ombre nella mia mente, da quel momento fui sicura di ritrovare il mio uomo! È il mio destino, basta avere pazienza…
Lo stesso giorno mi accorsi di poter fare apparire cose, rumori e odori secondo la mia volontà… gli uomini del villaggio ne furono sorpresi e gli stregoni contenti, fu così che mi mandarono verso il mare alla ricerca di qualcuno che mi insegnasse il gioco delle carte, perché così, dicevano, avrei fatto fortuna e non dovevo più preoccuparmi dei doveri verso la tribù. Ma nella città in cui arrivai, un ciarlatano di nome Aloodin mi imbrogliò col gioco delle carte e siccome io non possedevo e non posseggo niente, per la legge di quella città divenni la sua schiava. Lo seguii e lo servii mentre riproponeva i suoi giochi in altri insediamenti, intanto lo spiai fino a comprendere i suoi trucchi e un giorno decisi di riprendermi la rinvincita, ma egli non voleva saperne perché ormai nulla potevo dargli se avessi perso, così mi arrabbiai e feci scaturire nuovamente la luce da me… la gente si spaventò moltissimo e fuggì, il mio padrone impaurito disse che ero libera, allora lo sfidai nuovamente al gioco mettendo in palio la mia libertà appena acquisita e se avessi vinto lui m’avrebbe aiutato a fare fortuna con le mie abilità. Vinsi usando i suoi trucchi e le mie illusioni, e così dovette lui mantenere la promessa di farmi avere fortuna: mi insegnò a rubare, a difendermi e a vendere fumo, e molti furti mettemmo a segno in tutto il Sud.
Aloodin era felice della mia bravura, presto diventammo ricchi e lui mi prese in moglie. Ma un triste giorno un gruppo di predoni Delkahn mandò degli spiriti a fare una grande tempesta di sabbia sulla città in cui eravamo, così i cammellieri entrarono, uccisero molta gente e rapinarono ciò che volevano. Mio marito perì ed io persi tutto, cosicché non sapendo più che fare mi feci prendere da i briganti e portar via; mi condussero alla loro fortezza segreta dove tengono tutte le ricchezze e le donne che rubano, Alamut, un giardino rigoglioso nascosto con gli incantesimi degli spiriti.
Gli uomini sono spesso fuori a fare scorribande e quando vengono è per godere dei piaceri delle donne e dei profumi dei fiori e degli incensi, e non vogliono altro che la nostra carne, per cui la speranza di trovare il mio amore svanì in sette giorni e mi lasciai alla tristezza.
Uno spirito del luogo, mosso a compassione, mi apparve e volle consolarmi raccontandomi delle belle favole, il suo nome è Utanapistim, e mentre narrava di principesse e di emiri ci trovammo a baciarci, così io divenni la sua amante mortale e mi nascose affinché solo lui potesse godere di me e nessuno che non mi amasse. Questo spirito era però legato alla fortezza da forti incantesimi ed io me ne accorsi, quando gliene parlai divenne triste e disse che era stato imprigionato a far da guardia per colpa di alcune sue malefatte ad un figlio del Sole, quando essi ancora camminavano sul Creato, mi raccontò di questi esseri ed io capii cosa ero diventata. Utanapistim mi promise che se io avessi trovato il modo di liberarlo, avrebbe espresso un mio desiderio come più poteva, allora io pregai il Sole perché se un fratello mio aveva dato il castigo io potessi scioglierlo, pregai assai e chiesi che, se non sarebbe stato libero quel giorno stesso, almeno fosse cambiato il destino della pena e avesse termine dopo 2000 anni di servitù, e mentre io continuavo a pregare l’incantesimo si spezzò e Utanapistim fu libero.
Quando mi chiese quale fosse il mio desiderio, io gli parlai del mio amore, ed egli rispose che era una cosa troppo grande per lui, ma che gli eletti del Sole realizzano ciò che vogliono perché forgiano il loro destino, e per aiutarmi mi regalò un dromedario di nome Jañabalik, che viveva nei giardini di quella fortezza ed è un animale molto bello e intelligente, cosicché con quello potessimo viaggiare in fretta e raggiungere la Corte del Fuoco e dei Flutti.
La Corte è una caverna profonda che si apre sul mare, dentro vi abitano molti spiriti e dei di ogni genere, e ci sono vampe che emergono dalle acque scure per illuminare quel posto ricco d’essenza, il dio dell’amore risiede là quando non è impegnato a far impazzire gli uomini, perché è un posto molto gioioso e ogni sera si fa una festa.
Quando io vidi quel dio così bello desiderai giacere con lui e lo sedussi, ma il gioco durò poco perché quello è un donnaiolo e mi abbandonò dopo aver tratto piacere da me; restai alla Corte quasi due anni e conobbi tante divinità e con molte cercai l’amore, ma troppe erano di passaggio così mi decisi a cercare altrove.
I mortali desiderano la carne ma dopo che l’hanno avuta si stancano e scartano anche ciò che non hanno posseduto; gli spiriti sono troppo affascinati dai loro doveri per seguire l’amore e si dimenticano dei loro amanti; per questo sono certa che la mia anima gemella non è una persona o spirito comune, e la troverò solo cercando senza mai fermarmi.
Il buon Jañabalik mi condusse fino al più vicino porto e lì ci imbarcammo per Paragon, una grande città con un gran bazar è la più adatta per cercare qualcuno di particolare, e una notte nel guadagnarmi da vivere entrai nella villa di un giudice del Regno. Capitò che il giudice si svegliasse e mi trovasse nel suo soggiorno, allora io feci apparire cose strane e incoerenti per far credere che fosse un sogno e poi lo colpii per farlo dormire davvero. L’indomani ritrovai lo stesso uomo, che si chiamava Sosuute Hedou, per la strada, egli mi sorrise e disse che ero l’angelo che attendeva, che mi aveva sognato e che già mi amava prima di incontrarmi; sicché un po’ timorosa che mi avesse scoperto lo seguii e passammo quella giornata e le seguenti tra i sollazzi, finché sua moglie non ci scoprì in intimità. Ella si disperò tantissimo e si infuriò ancora di più, perché era una donna molto gelosa e innamorata, non pensava che suo marito la tradisse così e di tutte gliene disse, allora io che fino ad allora ero stata in silenzio ammonii Sosuute: se trattava male la donna che tanto lo amava facendole uno sgarbo, allora non si meritava né quella donna né altre, e pregai il destino che egli non avesse più amore finché sua moglie non avesse ritrovato il suo.
Pochi altri eventi degni di importanza mi capitarono in quella città, allora mi decise a partire nuovamente col mio fidato dromedario in cerca di un luogo più propizio e di eventi più degni di essere vissuti da una figlia del Sole Invitto.
Image
User avatar
Maeglin
Umano3
Umano3
 
Posts: 61
Joined: Mon Jan 23, 2006 12:04 am
Location: Luccafòra
Casta: Eclisse

Postby Marask » Mon Sep 24, 2007 10:37 am

Scena iniziale.Fuori dalle mura infuria una battaglia tra una squadra di soldati di Sherazad,comandati da Rajhid e un manipolo di barbari comandati da un enorme e nerboruto uomo che impugna una clava di pietra finemente lavorata.Sorriso di Seta e Alesteir sono alle porte di Sherazad ad osservare il tutto mentre Khalid, di ritorno da un affare,si trova in mezzo allo scontro.

Rajhid si ricopre di una vampata di fiamme bruciando tre dei suoi nemici mentre la sua spada saetta mietendo vittime.Khalid si trova a fronteggiare il capo dei barbari,più veloce di lui, che muove la sua clava contro il pg ferendolo gravemente. Tuttavia ,in breve, lo scontro finisce con la vittoria di Sherazad.

Sorriso di Seta si avvicina per vedere lo stato dei feriti mentre Alesteir,celato da uno dei suoi Prodigi di Eludere, per vedere se trova qualche pezzo di giada tra le fila. Khalid invece si allontana.

Tutto d’un tratto la sabbia del deserto esplode in un geyser di dimensioni abnormi.Dalla terra spunta una creatura con il corpo da serpente, il volto taurino don due eleganti corna che scendono all’indietro e quattro braccia,due delle quali impugnano una pesante Ascia del colore dell’argento.Il corpo avvolto da un’aura argentea e un disco ,dello stesso colore,che brilla sulla fronte.Un colpo e i restanti dieci soldati di Sherazad e con un altro scaraventa via il comandante.

Sorriso di Seta è ancor più preoccupata per la sorte dei feriti,Alesteir decide di approfittarsi della situazione per uccidere il Lunare.Sempre senza attirare l’attenzione colpisce con Destino il coriaceo corpo della bestia senza sortire alcun effetto e rivelando la sua presenza. Il Lunare,senza colpo ferire, risponde all’attacco calando la pesante arma dall’alto verso il basso,colpo che squarcia di netto il corpo di Alesteir che si trova a terra,prono,coperto di sangue.

A quel punto Sorriso di Seta esplode in un urlo di rabbia e paura.La sua anima brilla intorno al suo corpo e dalla sua bocca la parola “Basta” fa finire la battaglia.

Khalid si avvicina alla zona della battaglia mentre i due guerrieri si fermano.Il Lunare riprende le sue sembianze umane- un enorme uomo coperto di tatuaggi e cicatrici,dai tratti molto marcati,con dei pezzi di armatura,argentei anch’essi, sulle braccia e sulle gambe-

Tra i quattro inizia così un’animata conversazione. Il Lunare, di nome Taren,rivela di essere giunto a Sherazad in missione di pace,portandosi dei guerrieri come scorta, ma l’accoglienza non era quella promessa da Arsalan e così è iniziato lo scontro. Per difendersi ha massacrato i soldati del re.

I tre pg decidono allora di presentare questa rimostranza al re e Taren accetta di essere aiutato sostenendo che sarebbe giunto,nuovamente, il giorno dopo a mezzogiorno per conferire con Arsalan,come gli era stato promesso,poi,tramutatosi in un nuotatore delle sabbie, sparisce nel deserto.

Gli eroi entrano in città portando i feriti.Sorriso di Seta attua un’illusione su se stessa con i suoi poteri da mezzosangue e,con le sembianze di un maschio,porta Rajhid a palazzo.
Alesteir e Khalid vanno invece a riposarsi a causa delle ferite ricevute in combattimento.

Sorriso di Seta,dicendo di chiamarsi Camper, incontra il sovrano,nella sala del trono mentre sua figli agli allietava il pomeriggio con i suoi canti e le sue poesie.Il re viene a conoscenza di ciò che è successo,fa portare Rajhid da chi possa curarlo e accetta di vedere Taren il giorno successivo per chiarire la faccenda.Nel contempo invita il suo ospite a vivere a palazzo.

Khalid intanto prende contatto con Tyala,l’ambasciatrice del Regno che vive a palazzo,per spiegarle la situazione ma anche lei non ne sa molto, salvo che doveva esserci effettivamente un incontro tra il re e Taren.

Il giorno successivo a mezzogiorno Taren ha il suo incontro con il re.Sorriso di Seta,sempre sotto le sembianze di Camper è fuori dalla sala del trono mentre Alesteir e Khalid sono dentro la stanza,i corpi celati dalla magia , ad osservare la scena.Scena che dura qualche secondo, senza nessun convenevole, Arsalan sfodera la sua spada.
La lama del Drago-Leone brilla di una lucentezza innaturale e,nel tempo di un respiro ,recide la vita di Taren sotto gli occhi dei due Eccelsi.Poi,inizia a vibrare.Arsalan volge lo sguardo ad Alesteir,non più invisibile ai suoi occhi e si limita ad un educato:- Buongiorno,posso sapere di buon grado chi sei?-

Da qui inizia una simpatica valanga di casini^^ Alesteir cerca di giustificarsi nei modi più improbabili mentre tenta di avvicinarsi alla porta ma il re è così interessato a volerlo a pranzo che alla fine accetta.Sorriso di Seta entra inorridita alla vista di Taren morto e chiede spiegazioni, rimandate al pranzo anche quelle.Khalid si gode la scena.

I due pg entrano nella sala da pranzo del re e fanno la conoscenza di Sherazad e dei due figli della coppia.Una schiera di servitori porta cibo a volontà per gli ospiti e per la famiglia mentre i discorsi volano fluenti mentre…..un brontolio di stomaco rivela la presenza di un altro “ospite”: Khalid..

Il re si mostra gentile pure con lui invitandolo a sedersi e a raccontare di se.Tutte le domande del re sono chiaramente a trabocchetto.La sua gentilezza va calando sempre di più e le frecciatine si fanno sempre più comuni fino a quando,come se niente fosse, chiama il suo ospite per nome,nonostante lui gliene avesse detto un altro-Jamal-.Tra un bicchiere di vino e qualche parola tra tutti,Khalid invoca i suoi Prodigi per rendersi invisibile e fuggire.I presenti si chiedono dove sia andato l’ospite,messo alle strette dalle parole del re, ma Arsalan stesso lo ferma prima che possa andarsene.Che le illusioni mentali non funzionino su di lui?
Infuriato per l’essere stato preso per i fondelli, Arsalan invita gentilmente Khalid a lasciare la città entro il giorno dopo.Senza possibilità di appello-

Sia Sorriso di Seta\Casper che Alesteir si rendono conto di cosa sia capace veramente il re e di come, la sua bontà,sembri essere una maschera ben costruita.

Alla sera i tre pg si incontrano per decidere il da farsi. Decidono quindi di restare a palazzo per meglio portare avanti i loro intenti mentre Khalid,costretto a lasciare la città, decide di andare nel deserto e incontrare i barbari,ma non prima di aver reso omaggio ad Arsalan.

Sorriso di Seta\Casper si intrattiene nel cortile interno con i due figli del re e Masheed,la loro istruttrice mentre Alesteir,decide di parlare apertamente con il re; convinto che lui stia giocando con loro,pensa sia meglio palesarsi subito.

Alla sera il guerriero va a parlare con il sovrano e incontra Khalid,presente per salutare per sempre il re.

Il primo ad entrare è il ladro che trova molto strano il comportamento di Arsalan che ha ripreso i suoi modi gentili e sembra anche essere molto preoccupato per il suo viaggio,tanto da dargli del cibo e chiedergli se ha bisogno di concubine per allietare le sue notti del deserto.Khalid esce scioccato dalla stanza convinto che il re sia uno psicopatico.

Alesteir ha invece un incontro più diretto con il sovrano.Con lui i modi gentili vanno via in fretta fino a quando Arsalan sfodera la sua spada e colpisce il pg.Alesteir grazie alla sua Schivata delle Sette Ombre,risulta indenne dall’attacco,dopodichè osserva il sovrano rinfoderare l’arma e dire:-sono colpito, dici di essere un mortale mandato da un mercante, dici di aver trovato quelle spade per caso, dici di essere uno qualunque…ma nessun mortale può evitare il taglio della mia spada….-detto ciò lo congeda per la cena.
I miei Achievements generali:
-Le ragazze morte non possono dire no: Seduci un abissale
-Chtulu ftaghn: Evoca e lega ogni tipo di demone del primo, secondo e terzo cerchio
-Tu attacchi QUANTE volte???: Usa una combo per attaccare più di 30 volte in due azioni. Attacchi moltiplicati di arco non contano.
User avatar
Marask
Incarna1
Incarna1
 
Posts: 6332
Joined: Fri Mar 05, 2004 10:07 pm
Location: S.Lucia(PT)
Eccelso: Abissale
Casta: Midnight

Postby Marask » Sat Oct 20, 2007 11:49 am

[manca Khalid]
Dopo l'agognata cena Alesteir e Casper vengono invitati da Arsalan ad una battuta di caccia.Il primo accetta volentieri mentre il secondo, schifato dall'idea di dover fare del male a degli animali, decide di rimanere a palazzo.

Alesteir,Yashar e Arsalan,con al seguito qualche soldato di scorta, si mettono in viaggio verso la zona montuosa dove un piccolo boschetto gli accoglie per la loro attività.Yashar è talmente intenzioanto a fare meglio degli altri che suggerisce di andare ognuno per conto proprio e fare a gara.Suo padre accetta,tuttavia Alesteir decide di seguire il giovane per evitare che faccia qualcosa che lo metta nei casini.

Casper\Sorriso di Seta si sveglia al mattino con le sue vere sembianze e si reca da Sherazad,la consorte di Arsalan, per rivelarle alcune cose. Le rivela di essere un Eccelso Solare e di essersi trasformata in Casper per paura.
Tra le due nasce un'intensa discussione dove Sorriso di Seta apprende di essere un Crepuscolo-o un Impuro-; scopre che i Solari sono divisi in Caste e che ognuna di esse ha delle peculiarità.
Sorpresa da tutto ciò decide di recarsi da Khandan a parlare un po' con lei.
Anche la giovane principessa apprende il vero potere di Sorriso di Seta ma ne rimane sconvolta,spaventata.Ha paura.Le due parlano su cosa significa essere un demone malvagio che uccide gli innocenti, e nessuna delle affermazioni di Khandan sembra andare a genio all'Eccelso che controbatte lasciandola nel dubbio.

Intanto Yashar nel folto del boschetto viene rapito.Alesteir vedo solo una velocissima mano che afferra il giovane e lo porta via. Invoca un prodigio per non essere visto e si da all'inseguimento,saltando di ramo in ramo; tuttavia, non vedendo nulla, decide di utilizzare altri sistemi.Un attimo di concentrazione i suoi occhi sono in grado di vedere gli esseri sovrannaturali.Una piccola divinità del bosco gli rivela di aver visto una donna,bellissima,con in braccio un bambino, sorvolare di ramo in ramo il boschetto.
Prese le informazioni, Alesteir ringrazia e continua il suo inseguimento.
Arrivato in un piccolo spiazzetto sgombro di alberi vede subito il giovane Yashar legato ad un alberello e imbavagliato.Vicino a lui una ragazza dalle forme provocanti avente biondi capelli sparati un po' in qua un po' in là e una pelle molto abbronzata.Il suo corpo,per lo più nudo, è protetto sul seno e sulle parti intime da delle leggere vesti di acciaio e argento; le sue gambe e gli avambracci portano dei bracciali e dei gambali di armatura,d'argento anch'essi; e dietro la schiena un bastone di argento tutto intarsiato di giada con una gemma di intenso blu al centro fa d'anteprima per la cosa più strana: una coda di scimmia...una ragazza-scimmia???

Alesteir sicuro di non essere visto si muove dietro al ragazza, le punta la spada alla gola e si rivela
-Lascia stare il bambino.Ho promesso a suo padre che avrei badato a lui; ora lascialo,semami vieni a riprenderlo quando non ci sono-
In breve la donna speiga le sue intenzioni,per nulla impaurita dalla minaccia delle lame,poi scon una velocità incredibile elude l'arma che poggia sul suo collo e si sposta diqualche metro mostrando il suo volto ad Alesteir: due intensi occhi blu fanno contrasto a quella pelle abbronzata e un cerchietto d'oro intorno alla sua le tiene su leggermente una blanda frangia di capelli d'orati.Zenda, il suo nome è Zenda.

Dice di voler usare Yashar come leva per uccidere Arsalan. Alesteir non intende fermarla ma solo riprendersi il bambino.Non è amico del re, ma nemmeno suo nemico, per ora.I due si accordano per incontrarsi a Sherazad la notte stessa allora.
Intanto arriva Nassim, un possente uomo di colore,con capelli rosso fuoco e gli orecchi puntellati di decorazioni d'argento.Le sue braccia e le sue gambe mostrano tatuaggi d'argento,il resto del corpo è protetto da una corazza molto elaborata e alla schiena un Tetsubo enorme quasi quanto lui fa capolino dalla spalla destra.Le mani di Nassim sono lievemente artigliate e anche lui,presenta una coda, di tigre, che trascina per terra con noncuranza.

Se all'inizio il pesante uomo poteva sembrare una minaccia,subito dopo essere arrivato si mostra per quel che è: un bontempone dall'animo goliardico dedito all'alcol.

Zenda si preoccupa di far svenire Yashar con un poderoso colpo allo stomaco poi lo lascia ad Alesteir e gli ribadisce del loro incontro.

Sorriso di Seta intanto gira per la reggia alla ricerca di informazioni riguardanti il tesoro del re.Le uniche cose che riesce a scoprire sono la sua locazione e il fatto che per accedervi occorre passare dalla stanza privata del sovrano.E poi c'è,ovviamente una chiave, che il sovrano porta sempre con se.Nessuna delle due cose sembra spaventare la giovane Eccelsa che,divertita, aspetta con calma la sera.

Nel frattempo Alesteir,parlando con il re, viene a sapere che lui lo vuole usare per una certa missione.
-Non faccio il tagliagole per te- dice Alesteir, ma Arsalan, serafico,risponde soltanto
-Oh, ma non devi uccidere nessuno, solo fare un po' di spionaggio per conto mio-

Al ritorno dei cacciatori viene istituito il banchetto per la cena con i proventi dell'attività.Qua Arsalan chiede a Sorriso di Seta di accompagnare Alesteir in un viaggio.La giovane sembra essere interessata e così accetta di buon grado mentre Alesteir cerca di scoprire cosa nasconda il re.Ma la sua elusività in fatto di oratoria è troppo elevata

La sera Alesteir riceve la visita di Firouz il Vittorioso giusto per parlare degli eventi accaduti e per farsi dire quali siano i poteri della Spada di Arsalan(il giocatore non lo sa,si assume per ora che sia solo Alesteir a saperlo),dopodichè si prepara per l'arrivo di Zenda.
Le rivela che Arsalan vuole utilizzarlo come spia e la ragazza ,dopo una risatina, dice che non le interessa la cosa e che potrà parlare ,di tutta la faccenda, con Tamuz,l'eterno nemico di Arsalan,colui che ha fondato Chiaroscuro nei tempi addietro.

Alesteir sussulta un attimo al pensiero di incontrare qualcuno di così anziano e,sicuramente potente.E i dubbi iniziano a trasalire.

I preparativi per la partenza sono pronti ma non prima che Sorriso di Seta si sia procurata un po' di droga e abbia rubato un tappeto volante dal bazaar del Sole e della Luna e Alesteir abbia parlato con Khandan.

I due manifestano senza problemi il voler stare l'uno con l'altra e,quando la principessa dice che non potrà accadere mai nulla vista la differenza sociale, Alesteir le rivela la sua storia.Lui è un principe,se potesse riscattarsi tutto sarebbe più facile.

I nostri eroi partono di primo pomeriggio,subito dopo pranzo.Ad 1Km dalla città incontrano Zenda e Nassim che si offrono di scortarli.Zenda evoca una nuvola argentea con la stregoneria e conduce i due alla residenza di Tamuz.
Durant eil viaggio-che dura 6 ore- i 4 hannomodo di parlare.Sorriso di Seta scopre ancora nuove cose sulla Stregoneria e sui Lunari.Anche loro sono divisi in caste, ma in maniera differente dai Solari.Nassim è un Luna Piena mentre Zenda un Luna Assente.La giovane Solare viene messa al corrente pure degli ultimi dettagli scoperti da Alesteir.

Mentre alcuni barbari continuano a condurre una vita nomade,Tamuz si è ormai stabilito sulle montagne con molti dei suoi figli.Le montagne stesse sono la loro casa, case costruite sulla nuda roccia,come il palazzo del sovrano, una reggia magnifica di pietra finemente lavorata.

Alesteir e Sorriso di Seta incontrano Tamuz: un uomo alto e possente che veste soltanto di un gonnellino di pelliccia e indossa dei calzari di cuoio.Il corpo ricoperto di cicatrici e tatuaggi rituali,i capelli bianchi,lunghi che scendono fino alla schiena e un paio di occhi grigio chiaro che sembrano essersi spenti.

I tre parlano.Tamuz rivela la storia di Arsalan, un giovane e ambizioso sangue divino che divenne suo amico.I due ,insieme volevano fondare una nuova nazione ma l'ambizione del mezzo-dio era troppo grande, e il suo orgoglio,che non voleva essere secondo a nessuno, lo portò a tradire.Rubò la Zanna del Drago -Leone a Tamuz stesso e lo colpì a morte-non riuscendo tuttavia ad ucciderlo- poi fuggì.Il resto è storia.

Tamuz rivela di esser einteressatoa vendicarsi, la morte di Arsalan è il suo motivo di vita,vit ache si sta spegnendo da sola a poco a poco che i giorni passano.Non dice nulal riguarda l'arma, vuole solo la morte del sovrano,dovesse distruggere tutta Sherazad.

Sorriso di Seta,non volendo morti sulla coscienza, cerca una via più diplomatica a cui Tamuz sembra quasi essere d'accordo,nonostante preferisca devastare e distruggere in modo rapido e preciso.In fondo, ha covato odio per così tanti anni e ha concentrato tutte le sue risorse per un solo scopo.E non può fallire.
Taren si è già sacrificato,ed era in via diplomatica.Arsalan è pericoloso.

I due pg escono dalla reggia di Tamuz.Sorriso di Seta va con Nassim e provano il tappeto volante mentre Zenda e Alesteir vanno all'Arena e si allenano.Un combattimento veloce e rapido che finisce in una manciata di secondi.Zenda con una raffica di attacchi spezza le difese dell'Eccelso e vince.
Alesteri sostiene di non aver fatto sul serio ma Zenda non ci crede.
E fa male,perchè Alesteir diceva la verità.Decidono comunque di passare la notte insieme.

Al mattino Zenda dice ad Alesteir che deve allontanarsi per seguire il suo incarico di Sapiente della Tradizion dei Lunari.Tornerà il giorno dopo. Alesteir la cerca tra le vie della montagna e qua incontra uno strano individuo ammantato di rosso,il volto coperto e una spada legata alla schiena.Alestir riconosce subito che quella è una delle quattro lame di Firouz e tenta di bloccare l'avanzata dell'essere che, non rivela nè la sua identità, nè il suo sesso.
Dopo un breve scambio di parole,il guerriero,scompare tr ai monti,non prima di aver inciso sulla roccia,con la sua spada nel breve attimo di un secondo,la frase "non pensavo di trovarti qui"
Alesteir è interessato.La Quarta Spada è comparsa.Potrebbe riuscire ad averle tutte e quattro in un tempo ancora più breve del previsto.
I miei Achievements generali:
-Le ragazze morte non possono dire no: Seduci un abissale
-Chtulu ftaghn: Evoca e lega ogni tipo di demone del primo, secondo e terzo cerchio
-Tu attacchi QUANTE volte???: Usa una combo per attaccare più di 30 volte in due azioni. Attacchi moltiplicati di arco non contano.
User avatar
Marask
Incarna1
Incarna1
 
Posts: 6332
Joined: Fri Mar 05, 2004 10:07 pm
Location: S.Lucia(PT)
Eccelso: Abissale
Casta: Midnight

Re: Sherazad

Postby Marask » Sun Nov 11, 2007 12:23 pm

Alesteir e Sorriso di Seta vanno da Tamuz nelal sua reggia e lo trovano in compagnai di una bellissima donna vestita di rosso.Un lungo vestito ,aperto ai lati, scollato sul davanti; la pelle bianchissima,gli occhia zzurri e una nuvola di capelli corvini di che scendono lungo la schiena.Il lato destro della faccia coperto da un ciuffo.Alesteir nota subito che Tamuz impugna la quarta spada e,impaurito, si chiede il motivo.

Parlando un po',ii deu scoprono che Tamuz, forse gasato dalla potenza dell'arma che impugna, non vuole più evitare la guerra ma schiacciare direttamente Arsalan.Tuttavia Sorriso di Seta riesce a mediare la cosa e convincere il sovrano ad aspettare una settimana. "Sarà Arsalan stesso ad arrivare qua"

Nel frattempo che decidono il da farsi, Sorriso di Seta si interroga spesso sul vero potere di un Eccelso, su quale sia la ragione dell'esaltazione e se è possibile usare i poteri derivanti dall'Esaltazione a fin di male e\o di bene.Parlandone con Zenda non riesce ad avere molto le idee chaire,così,quest'ultima decide di portarla da Fonte di Saggezza, un lunare Luna Assente vecchio almeno quanto Tamuz, che ricorda tutti i fasti della Prima Era.
L'indoamni Zenda porta i due Eccelsi al cospetto dell'uomo.All'apparenz aun anziano sciamano che deve aver visto molte lune, coperto dimistici tatuaggi che sta istruendo un manipolo di giovani lunari alla storia.

Parlando tutta la sera Sorriso di Seta e Alesteir vengono a consocenza di tutto ciò che riguarda la Prima Era; dal glorioso impero dei Solari al suo declinio e infine, al tradimento della Stirpe di Drago.
Sorriso di Seta è ancora più confusadei suoi poteri e di quelli degli altri eccelsi.Tuttavia continua a chiedere informazioni,soprattutto sulla Stregoneria.Sembra molto attratta da essa anche se ancora,non vuole impararla.

Dopo ciò.Fonte di Sggezza viene a conoscenza della situazione in cui Tamuz si èinfilato.Decide quindi di andare direttamente a parlare con lui per cercare di calmarlo.

Il giorno dopo Fonte di Saggezza si reca dal SIgnore della Guerra.Zenda e Alesteir aspettano fuori mentre Sorriso di Seta si reca da Nasim.

Improvvisamente parti del palazzo iniziano a cadere giù.UN'ala della reggia crolla direttamente,il portone di pietra sispacca in due.Alesteir nota subito una scena impressionante.
Tamuz,spada in mano, ferito gravemente.Ai suoi piedi Fonte di Saggezza immerso in una pozza di sangue e, nel balgiore di un attimo,la figura della donna.,Eterna Vittoria, che svanisce nel nulla.

Zenda va a soccorrere Fonte di Saggezza e lo porta fuori mentre Alesteir infuriato,chiede spiegazioni al sovranoTamuz non smebra molto dispaiciuto per ciò che ha fatto e ,nonostante le ferite gravi,sembra minacciare il Solare che,con arroganza,decide di andarsene conf are altezzoso.

Quando Sorriso di Seta apprende la notizia non ci vede più.Una forza ancestrale la avvolge a paritre dal uso cuore, la rabbia contro chi causa del male non la fa più ragioanre(adoro quando i pg hanno compassione 5, e finalemnte qualcuno ha superato il LIMITE:p).
Va a corsa verso Tamuz; Alesteir prova a fermarla ma non ci riesce. Davanti al sovrano, calmo,seduto sul trono con due barbari che lo fasciano, Sorriso di Seta esplode in un'aurra di potenza inimmaginabile. Fiotti di Essenza dorata ricoprono il suo corpo e illuminano la scena mentre una miriade di aghi vola verso il Lunare che si accorge troppo tardi di ciò che è successo.Riesce giusto giusto a spendere gli utlimi moti di essenza che gli sono rimasti dallo Scontro contro Fonte di Saggezza per assumere la forma ibrida.Ma tuttò ciò è inutile.Nememno la resistenza superiore del suo corpo,ferito grave, può nulla contro la furia del Solare.

Sorriso di Seta si accascia a terra piangendo mentre Tamuz,morto trafitto da migliaia di aghi, rimane sul suo trono di pietra.

Alesteir ha quasi paura di ciò che è successo.Prende Sorriso di Sta per la gola e la porta da Zenda e Fonte di Saggezza.Ora occorre decidere chi guiderà i barbari del sSud, e Zenda pare la migliore candidata.

Sorriso di Seta è ancora scossa per l'accaduto.Tuttavia i due decidono di tornare da Arsalan.

Arrivati a Sheraza vengono accolti con ogni onore, al solito del sovrano.Alesteir ottiene i documenti che lo scagioneranno ,per il lavoro ben svolto e così decide di andare a rifarsi un nome nel suo paese.Sorriso di Seta invece vuole comprendere il perchè della sua furia.

Nel frattempo Alesteir viene a sapere che la figlia di Arsalan è promessa sposa a un tale di nome Baltasar,figlio di Sadi un mercante di Gemma.

Gemma.Da quanto ha potuto indagare, anche Eterna Vittoria veniva da Gemma.

Alesteir decide di recarsi alla città dopo aver restaurato il suo nome.Sorriso di Seta accetta di incontrarlo là,prima deve andare a parlare con Fonte di Saggezza riguardo al suo sbottamento,sperando che nel frattempo si sia ripreso.

Alesteir procede verso la città costruità sui vulcani quando fa l'incontro di Eterna Vittoria.,armata di tutto punto con la sua corazza rossa.
"Non posso permettere che tu vada a Gemma" detto ciò pare scomparire davanti agli occhi del Solare.Alesteir ,aspettandosi un attacco di sorpresa,sfodera la spada che Eterna Vittoria stessa donò a Tamuz(e che lui si è preso dopo la sua morte) e usa il suo potere speciale per trasferirsi nell'Altrove.
Dall'Altrove raggiunge Gemma in piena mattinata.RIappare nel Creato ed entra nella città utilizzando un Prodigio di Elusione così da non essere notato.

La città si apre sotto i suoi occhi presentando i mercati e le guardie cittadine.Nessuno è svelgio, col caldo che fa sono tutti rintanati in casa a dormire e riposare.Nel momento in cui decide di far terminare il suo Prodigio viene attaccato di sorpresa.La lama di una daiklave lo penetra nella scheina causandogli non pochi,aggravati,danni.
Eterna Vittoria è di nuovo davanti a lui.Davanti a tutti i sodlati presenti i due Eccelsi ingaggiano battaglia.Il Siderale-si è un SIderale:P- sembra nuovamente scomparire alla vista del Solare che non riesce assolutamente a notarla s enon quando appare l'ultima volta.Purtroppo troppo velocement eper il Soalre che non può,in alcun modo, difendersi.La lama della Daiklave lo colpisce in pieno petto mandandolo al suolo.

Tutta la gente si raccoglie intorno ad ALesteir mentre Eterna Vittoria scompare.Arriva pure Sorriso di Seta che era giunta a Gemma prima del compagno e se ne prende cura.

Una settimana dopo ,il Notte si riprende, ferito gravemente.Se la spada avesse centrato meglio il suo petto,sarebbe morto.
I miei Achievements generali:
-Le ragazze morte non possono dire no: Seduci un abissale
-Chtulu ftaghn: Evoca e lega ogni tipo di demone del primo, secondo e terzo cerchio
-Tu attacchi QUANTE volte???: Usa una combo per attaccare più di 30 volte in due azioni. Attacchi moltiplicati di arco non contano.
User avatar
Marask
Incarna1
Incarna1
 
Posts: 6332
Joined: Fri Mar 05, 2004 10:07 pm
Location: S.Lucia(PT)
Eccelso: Abissale
Casta: Midnight

Re: Sherazad

Postby Marask » Wed Nov 28, 2007 3:00 pm

Sorriso di Seta e Alesteir, nella sala dove il secondo è in cura, ricevono lincontro di una msiteriosa donna che dice di chimarsi Ranlea.La donna, mascherata, racconta di come ha visto Alesteir venire attaccato dalla Siderale e di come ha compreso,senza troppi problemi, la natur amistica dello stesso Alesteir. Così, si offre di aiutarli a prendere informazioni sulla Siderale in cambio del loro aiuto: a Gemma infatti c'è un assassino che le fa da concorrente, un tale di nome Havesh conosciuto anche come "colui che svanisce" o semplicemente lo "svanitore"(not amarca di correttori eortografici:P).
I pg accettano in cambio di informazioni su Eterna Vittoria e così Ranlea,seduta stante,informa i pg della natura della Siderale ch eopera nel Sud per distruggere gli Anathema.Fa riferimenti anche a strani poteri che le permettono di alterare la realtà diventando altre persone,specificatamente, il famoso Balthazar figlio di Sadi il mercante-nonchè ormai sposo di Khandam di Sherazad-.

i PG decidono quindi di incastrare Havesh.Intanto fanno passare del tmepo cosicchè le ferite del Notte possano rimarginarsi.Tempo in cui Sorriso di Seta torna da Fonte di Saggezza per imparare la Stregoneria.
Dopoa ver parlato con il Lunare decide di intraprendere un viaggio oltr ei confini del Sud, laddove incontra dei fatati che le rivelano la sua natura di mezzo fatato.Dopo milel travalgi e peripezie è pronta a tornare dall'amico Alesteir.Ha superato 4 prove su 5 per apprender ei mistici poteri della Stregoneria, ora le manca solo quella del Sacrificio(la cosa è stata raccontata off game,non giocata)

Sono passati circa due mesi e mezzo.
COn facilità Sorriso di Seta riesce a incastrare Havesh in un tentativo di far uccidere Sadi-che in realtà non esiste-,questo porta l'assassino a scontrarsi direttamente con Ranlea e a perdere.
Ranlea ,riunitasi coi pg decide di aiutarli contro Eterna Vittoria e partire per Sherazad.

Sorriso di Seta ,fuori da Gemma ,innalza un altare per richiamar ela divinità dell'omicidio ma viene colpita alle spalle.Havesh è ancora vivo.Come mai?

Praticamenteml'assassino-rivelatosi un Soalre pure lui- è stato intercettato da Ranlea ma è stato lui a uccider elei e aprendere il suo posto. Grazie alla parlatina di Sorriso di Seta però, non riesce a colpirla nuovamente per ucciderla ma decide di andarsene utilizzando la sua tecnica più potente l'Evanescente Evasione dalla Realtà, che lo fa sparire dai ricordi e dalla mente della donna.

I pg si riuniscono e partono per Sherazad.Sorriso di Seta è turbata dalal ferita e dall'impossibilità di collegare le cose così come sono successe,tuttavia Alesteir la cura durante il viaggio e nel giro di pochi giorni si rimette in sesto.

Arrivati a Sherazad i pg incontrano Arsalan e,durante la cena, anche Baltazar\Eterna Vittori e il resto della famiglia. Parlando,ottengono di parlare con il principe mercant ein privato e, nella stessa di questo, ognuno butta già le proprie maschere.

Eterna Vittoria vuole sconfiggere gli Eccelsi presenti nel Sud e ottiene di non essere inerrotta nella sua missione da parte dei due Solari a patto che essi se ne vadano.arà loro ciò che vogliono, nello specifico,la quarta spada, quella di Arsalan, a Alesteir ela proemssa che salverà la vita a 5 eccelsi a scelta di Sorriso di Seta(ovviamente una promessa falsa...ma vabbeh:P).

Dopo la chiacchierata i pg tornano da Arsalan.In precedenza avevano cheisto al re di mandare Shnkam smaterializzato per ascoltare la conversazione. Il re, avendo saputo tutto, si arrabbia con se stesso per essere caduto in un tranello del genere.Proemtte ad Alesteir la sua spada in cambio della vita di Eterna Vittoria.Poi porta i due pg nella sala del tesoro.

Un'immenso salone contenet ori e artefatti in quantità a cuis i può accedere SOLO con la sua arma.Tr ai tesori, un artefatto che potrebeb cambiare il destino del creato: l'occhio di Autoctono; sigillato dentro un contenitore di oricalco chiuso magicamente,cosicchè nessuno possa utilizzarlo,nemmeno per sbaglio.

Siamo alle battute finali. Le scene si susseguono nel sangue.

Eterna Vittoria,durante la notte,rivestita della sua corazza da battalgia celestiale, attacca Arsalan per prendere la spada.
Nel frattmepo Havesh fa la sua comparsa a Sherazad.Ha seguito,infatti,il gruppo per saperne di più sulla faccenda.Anche Ranlea-che non è morta sul serio- è a Sherazad e intraprende unos cotnro diretto con il rivale al fine di ucciderlo.I due sono su due livelli troppo diversi e in campo aperto l'assassino di Gemma non riesce a tenere testa alle arti marziali della ragazza.Sorriso di Seta tuttavia li blocca.

Eterna Vittoria si scontra con Arsalan.Il mezzo-dio ha problemi a combattere contro la Siderale e viene steso al suolo privo di sensi in breve.Alesteir, circondato da fiamme di essenza violacee si lancia contro Eterna Vittoria colpendola alla schiena con un poderoso colpo della sua spada e stroncandole la vita in un attimo.

Havesh scompare nuovamente fuggendo-forse,chissà- mentre Ranlea raggiunge Alesteir.Prende il corpo di Arsalan e lo porta a curarsi mentre Sorriso di Seta e il Notte iniziano a conversare sull'accaduto.

DOpo breve Arsalan, ancora ferito, torna dai due pg.Aveva promesso la spada ad Alesteir ma se la dovrà conquistare.Nonsotante le ferite, i due iniziano un duello che vedrà vincitore Alesteir.Sorriso di Seta crea un'illusione facendo credere ad Alesteir di aver ucciso il re e al re di essere morto.Il Notte si infuria, non capisce perchè la sua spada ha ucciso il sovrano e dopo la disperazione, Sorriso di Seta gli spiega la verità.Ingiurie nei confronti dell'amica sovrastano la stanza.
Alesteir prende la quarta spada.Ora le ha tutte.Il Vittorioso appare nella sala ed entra nel corpo dell'eccelso che or aha due possibilità: accettare le spade e continuare nella sua missione nel Creto, o accettare sia le spade che il Vittorioso,fondersi con lui diventare il nuovo dio della guerra e vivere a Yu-Shan sotto gli Incarna.Alesteri sceglie la prima.

Arsalan ,avendo dato la spada ad Alesteir, gli cede pure il regno e gli permette di sposare sua figlia.

Fine
I miei Achievements generali:
-Le ragazze morte non possono dire no: Seduci un abissale
-Chtulu ftaghn: Evoca e lega ogni tipo di demone del primo, secondo e terzo cerchio
-Tu attacchi QUANTE volte???: Usa una combo per attaccare più di 30 volte in due azioni. Attacchi moltiplicati di arco non contano.
User avatar
Marask
Incarna1
Incarna1
 
Posts: 6332
Joined: Fri Mar 05, 2004 10:07 pm
Location: S.Lucia(PT)
Eccelso: Abissale
Casta: Midnight


Return to Voglia di Avventure!

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 1 guest

cron